IL BEL PROGETTO DE LINKIESTA PER LE NOSTRE FORESTE E PER IL CLIMA

La politica e ampia parte del mondo dell’informazione in Italia hanno un problema culturale. Faticano a capire che difendere l’ambiente e rispondere alla sfida del clima non solo è necessario, ma rappresenta anche un’opportunità per creare lavoro e una nuova economia più sostenibile, inclusiva e dunque più competitiva. Per rispondere contemporaneamente alle crisi economica e sociale.

Ma poi arriva una importante testata on-line che decide di sostenere i FridaysForFuture di Greta Thunberg dedicando tutti i venerdì all’ambiente fino alle europee e allora capisci che la differenza la fanno sempre le persone, che basta un bravo direttore e che anche nel nostro Paese il clima sta cambiando. Senti l’ecologismo è sempre più sentito e diffuso nella società.

E poi il giorno del Global Climate Strike sempre Linkiesta e il suo direttore tornano a stupirti in positivo e a impegnarsi per il clima con una nuova importante iniziativa, che rende concreta la loro edizione verde del venerdì. Il progetto *#1000 alberi100giorni* con il quale da domani, tutti possiamo far crescere una foresta insieme a Linkiesta, che per questa iniziativa speciale si avvale della collaborazione di *Treedom*. L’obiettivo è arrivare alle elezioni europee con 1000 alberi in più. Tutti possiamo contribuire. Bastano 20 euro per piantare un albero, con 50 euro possiamo piantarne tre. Ogni albero sarà geolocalizzato e avrà la sua carta d’identità.

Un progetto che serve davvero e per cui ringrazio Francesco Cancellato. Aiuterà a contrastare la tendenza al disboscamento, che ogni anno nel mondo porta a perdere 50 mila chilometri quadri di foresta. Sarà un modo per sostenere i nostri boschi, feriti da un 2017 che ha fatto segnare un record di incendi e nel 2018 da una tempesta che ha abbattuto 8,5 milioni di metri cubi di alberi.  Contribuirà a rendere più pulita l’aria che respiriamo e a rendere sicuro e bello il nostro fragile Paese.  E che sia un nuovo inizio.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi