MA ALLE BUONE INTENZIONI SAREBBE ORA DI FAR SEGUIRE LE AZIONI

Basta timidezze e tatticismi, per affrontare la crisi climatica il tempo di agire è ora. Ad esempio iniziando a tagliare i sussidi pubblici alle attività ambientalmente dannose. È proprio quanto prevede un ordine del giorno (Odg) a mia prima firma alla Legge di Bilancio accolto alla Camera.

Secondo il terzo Catalogo dei Sussidi ambientalmente dannosi e favorevoli redatto dal ministero dell’Ambiente, con dati riferiti al 2018, diamo annualmente più di 19 miliardi alle attività inquinanti. Un recente report di Legambiente stima siano ben 35,7 miliardi, tra diretti e indiretti, i sussidi ambientalmente dannosi (Sad). Una montagna di soldi che non ci rende credibili quando parliamo di Green deal e che va in larga parte a vantaggio delle imprese, in particolare dei settori trasporti ed energia e in misura minore anche all’agricoltura.

Per questo il mio Odg, sottoscritto anche dai colleghi Palazzotto, Fusacchia, Quartapelle, Lattanzio, Magi e Fioramonti, impegna il governo ad inserire tra le misure per la transizione energetica del Recovery Plan la soppressione di tutti i sussidi alle fonti fossili entro il 2030. L’esecutivo dovrà eliminare dal 2021 i sussidi diretti alle fossili e per lo sfruttamento dei beni ambientali, aggiornare il Catalogo, rivedere la tassazione sui combustibili fossili per renderla più trasparente e legarla alle emissioni prodotte.

Con questo ordine del giorno l’Italia fa un passo avanti, non nascondo però che avrei preferito questi impegni venissero assunti approvando il mio emendamento sulla graduale eliminazione dei Sad. Visto che alle buone intenzioni sarebbe ora di far seguire le azioni.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi