TRA LE TANTE NEFANDEZZE DI QUESTO PROVVEDIMENTO L'ATTACCO AL SISTEMA DEGLI SPRAR: I PICCOLI CENTRI DI ACCOGLIENZA DIFFUSI SUL TERRITORIO

Questo è il decreto paura, non il decreto sicurezza. Tra le tante nefandezze che prevede mette sotto scacco il sistema degli Sprar: i piccoli centri di accoglienza diffusi sul territorio, dove si fa davvero integrazione aiutando lo sviluppo locale, arricchendo il tessuto socio-culturale dei nostri territori e contribuendo a invertire la tendenza allo spopolamento dei nostri borghi. Una preoccupazione non solo nostra, ma condivisa dall’ISPI secondo cui il provvedimento provocherà un aumento di 110-120 mila persone irregolari nei prossimi due anni, quelli che voi chiamate clandestini. Altro che decreto sicurezza.

Per non smontare questo sistema di accoglienza piccola e diffusa che in Italia ha dimostrato di essere il più efficiente sarebbe stato importante accogliere il mio Ordine del giorno, che chiedeva al governo un impegno per uno stanziamento di fondi adeguato a mantenere l’attuale livello del sistema Sprar.

Se davvero, come affermato ieri in questa Aula dalla Lega non è intenzione del governo smontare il sistema Sprar, avreste dovuto accogliere e votare a favore di questo Odg. Invece siete andati dritti come un treno con la vostra idea di sicurezza. Un provvedimento che non si occupa solo di migranti, ma disegna la società di domani: una società autarchica, chiusa e rabbiosa. Attraverso l’attacco ai migranti diventeremo un Paese impaurito e pauroso.

Il mio intervento in Aula alla Camera durante l’esame degli Ordini del giorno al decreto Sicurezza.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi