LA PROPOSTA DI LEGGE MIRA A RIPULIRE IL MARE DA PLASTICA E RIFIUTI GRAZIE ALL’AIUTO DEI PESCATORI

L’inquinamento marino da plastica è ormai un’emergenza planetaria, alimentata ogni anno secondo le stime dell’ONU da 8 milioni di tonnellate di rifiuti in plastica. Oltre ad inquinare, la plastica si scompone in pezzi sempre più piccoli che vengono ingeriti e bioaccumulati da pesci e specie marine, entrando così nella catena alimentare. Proprio pensando a queste criticità lo scorso luglio ho depositato una proposta di legge per consentire ai pescatori di raccogliere i rifiuti che incontrano in mare e di portarli a terra. Senza per questo dover sostenere loro i costi dello smaltimento. Come deciso dalla Conferenza dei Capigruppo la proposta, di cui sono anche relatrice in Commissione Ambiente, approderà in Aula alla Camera a giugno.

Il testo, sottoscritto anche dall’On. Fornaro  introduce la possibilità per ministero dell’Ambiente e Regioni di stipulare convenzioni con gli imprenditori ittici finalizzate alla raccolta dei rifiuti marini che questi incontrano durante la normale attività di pesca. Una volta rientrati in porto, i pescherecci conferiscono i rifiuti recuperati nell’isola ecologica portuale, senza dover pagare oneri aggiuntivi. Previsti anche un programma di monitoraggio e una relazione sull’attuazione della legge da inviare annualmente al Parlamento.

Il cuore della mia proposta di legge  è puntare al risanamento dell’ecosistema marino grazie al coinvolgimento attivo dei pescatori. Una misura ispirata all’esperienza positiva del progetto sperimentale Arcipelago Pulito e all’impegno per i nostri mari di associazioni come MareVivo e Legambiente, che è stata ‘adottata’ anche dal ministro Costa. Il ministro dell’Ambiente ha infatti annunciato più volte di volerla inserire nel suo ddl ‘Salva-mare’, che oggi è finalmente all’ordine del giorno del Consiglio dei Ministri.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi