MURONI E PAOLUCCI (LEU): IL MINISTERO DELL’AMBIENTE CHIEDA ALLA MONTEDISON IL RISARCIMENTO DEI DANNI AMBIENTALI

“Con una lettera al ministro dell’Ambiente Costa chiediamo che lo Stato, tramite il suo ministero, agisca in giudizio per chiedere alla ex Montedison, oggi Edison, il risarcimento dei danni ambientali causati con le discariche dei veleni di Bussi sul Tirino (Pe). Una richiesta coerente con il principio del ‘Chi inquina paga’.

La sentenza della Cassazione sulle cosiddette discariche dei veleni della Montedison a Bussi sul Tirino (Pe) ha infatti assolto solo per prescrizione gli imputati, ma ha riconosciuto il danno ambientale e stigmatizzato in modo definitivo le gravissime responsabilità della Montedison. Nelle motivazioni si ribadisce inoltre che l’avvelenamento delle acque sussiste, che coinvolge anche le falde e che ad oggi è stata realizzata solo una “parziale” messa in sicurezza dei siti e non sono stati avviati i lavori di bonifica.

Permangono dunque l’inquinamento e il danno per lo sversamento di agenti chimici altamente pericolosi sui terreni e nelle acque del fiume Aterno/Pescara. È quindi necessario accelerare sulle bonifiche di tutte le aree interessate, anche per prevenire danni maggiori sia all’ambiente che alla salute dei cittadini.

Una tempestiva azione legale del ministero dell’Ambiente, supportata dalle competenze tecniche dell’Ispra, darebbe un segnale di attenzione a questa comunità che da anni attende giustizia e restituirebbe a tanti cittadini la fiducia nelle istituzioni”.

Lo affermano in una nota congiunta Rossella Muroni e Massimo Paolucci, rispettivamente deputato ed eurodeputato di LeU.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi