E CHE È IL MOMENTO DI ACCELERARE SULLE RINNOVABILI

Le cose vanno dette, ma bisogna dire come stanno davvero e soprattutto un ministro dovrebbe indicare come affrontarle. Invece Cingolani ha fatto solo nuovo allarmismo sulla transizione ecologica, dicendo in sostanza che la bolletta elettrica aumenterà del 40% perché crescono il prezzo del gas e il costo della CO2 prodotta. Accreditando una comunicazione ‘terroristica’ che spara prezzi inverosimili, come rincari da 500 euro a famiglia.  Dal ministro della Transizione ecologica mi sarei aspettata che non si limitasse ad aggiungere che il governo è impegnato per la tutela delle famiglie, ma che spiegasse anche che sull’aumento delle bollette il prezzo del metano incide per l’80% circa e quello della CO2 del 20% e come il governo intende tutelare cittadini e imprese. Chi ha la responsabilità di guidare la Transizione ecologica del Paese avrebbe anche dovuto sottolineare che soffriamo l’aumento del gas perché siamo troppo dipendenti da questa fonte fossile e abbiamo smesso di investire nelle rinnovabili. La risposta non deve essere mettere all’indice la transizione ecologica e il pacchetto Ue Fit For 55. Al contrario è il momento di accelerare per un’Italia e un’Europa sempre più rinnovabili ed efficienti. Gli investimenti sulle fonti pulite sono convenienti e vista la differenza tra costo dell’energia fossile e rinnovabile avrebbero ritorni in tempi brevi.

Ricordo a Cingolani che per allineare gli impegni assunti e le azioni messe effettivamente in campo sul fronte della conversione ecologica, va decisamente ridimensionato il ruolo del gas nel nostro Piano nazionale energia e clima e va analogamente corretto il capacity market. Il gas non può essere considerato l’energia della transizione. Farlo non solo ci costerebbe caro, ma ci legherebbe a un modello di sviluppo che continua ad essere legato al passato e ai fossili anziché guardare avanti. Al contrario, il futuro del Paese non deve essere legato ad alcuna fonte fossile, ma alle rinnovabili, all’innovazione, all’efficienza.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi