PER DARE FUTURO AL LAVORO E' STRATEGICA LA CONVERSIONE ECOLOGICA DELL'ECONOMIA

Sabato 9 febbraio i sindacati chiamano l’Italia in piazza contro la manovra del governo. Benissimo, è ora di una grande mobilitazione sociale contro le politiche depressive di questo governo che dietro il reddito di cittadinanza e quota 100 per le pensioni nasconde un’incapacità totale di futuro. Un esecutivo in campagna elettorale permanente che con queste due misure simbolo intende arrivare ‘preparato’ alle europee.

Bene quindi ha fatto il neo segretario generale della Cgil Landini a chiamare tutti alla mobilitazione perché, come dice la piattaforma unitaria di convocazione, occorre dare a questo Paese “una visione ed un piano strategico che sia capace di ricomporre e rilanciare le politiche pubbliche finalizzate allo sviluppo sostenibile e al lavoro”.

Lo sviluppo sostenibile e la sostenibilità ambientale sono citati come categorie astratte nella piattaforma. La questione invece, caro Maurizio, è che questo Paese avrebbe bisogno di un grande piano verde per rispondere alla sfida dei mutamenti climatici. Nella grande transizione che abbiamo di fronte, fatta di cambiamenti climatici, robot, nuove disuguaglianze e flussi migratori, dobbiamo di nuovo rendere l’Italia un luogo di capace di anticipare e accelerare le trasformazioni.

Il fattore strategico, capace di intervenire su tutte le dimensioni della transizione, è la conversione ecologica dell’economia. Un piano coordinato di interventi che apra la strada alle potenzialità della nostra imprenditoria migliore, garantendo qualità e un saldo attivo nell’occupazione. Per uscire dalle crisi climatica, economica e sociale creando valore e lavoro di qualità, ma soprattutto uno sviluppo sostenibile e inclusivo, che rispetti l’ambiente senza lasciare indietro nessuno.

Di tutto questo mi sarebbe piaciuto leggere nella piattaforma unitaria che indice la manifestazione del 9 febbraio alla quale ovviamente parteciperò condividendone lo spirito e soprattutto la guida di Maurizio Landini. Ma dobbiamo capire tutti, sindacato compreso, che la sfida è globale e che in gioco c’è il futuro del Pianeta.

Il mio intervento su HuffPostItalia è disponibile nella versione integrale qui .

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Iscriviti alla newsletter

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi