URGENTE ANCHE UN'INIZIATIVA PER LA LIBERAZIONE DI ZAKI

Giulio Regeni è stato catturato e torturato a morte dai servizi segreti egiziani. Sono le conclusioni della Procura di Roma che, come riportato da ‘Il Fatto Quotidiano’ e da diversi giornali, ha chiuso l’inchiesta. In quattro agenti, tra cui il numero 2 della sicurezza egiziana, rischiano di finire a processo, mentre per altri 13 soggetti non è stato possibile accertare la posizione. Data la mancata collaborazione delle autorità egiziane, i genitori del ricercatore italiano chiedono al Governo di richiamare il nostro ambasciatore al Cairo. Considerata la gravità dei fatti, che ledono il diritto e la dignità del nostro Stato e offendono la memoria di Giulio, ho presentato insieme al collega Fusacchia una interrogazione al ministro degli Esteri per sollecitare il richiamo dell’ambasciatore.

Al ministro degli Esteri chiediamo, inoltre, quali iniziative si intendano adottare nei confronti del governo egiziano rispetto ai fatti contestati alle autorità di quel Paese, la cui mancata collaborazione è certificata dai pm romani. Visto che parliamo di un paese in cui come denuncia Amnesty International si pratica la tortura, sollecitiamo l’esecutivo anche a sospendere tutte le forniture di armamenti in corso, compresa la consegna della seconda fregata Fremm, all’Egitto e a congelare ogni rapporto di collaborazione tra partecipate italiane e governo e/o compagnie di Stato egiziani.

C’è un altro fortissimo grido di dolore che arriva dall’Egitto: quello di Patrick Zaki. Lo studente egiziano dell’Università di Bologna detenuto senza motivo da oltre 10 mesi nel suo Paese, lo scorso sabato ha affidato alla madre parole molto allarmanti: “Sono esausto fisicamente e mentalmente, non posso continuare qui ancora a lungo”. Un grido che interroga anche l’Italia e che ci deve spingere a fare il massimo. Mi unisco all’appello di quanti domandano al nostro governo di adoperarsi con urgenza affinché Patrick sia liberato al più presto.

Il testo dell’interrogazione è disponibile qui.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi