LO CHIEDEREMO DOMANI A COSTA IN QUESTION TIME

“La pessima gestione dei rifiuti a Roma rischia di provocare una vera emergenza sanitaria ed ambientale. Una crisi che va ben oltre il livello locale, considerando che siamo nella Capitale del Paese. Non a caso l’associazione nazionale dei presidi aveva minacciato di non aprire gli istituti scolastici di Roma il 7 gennaio a causa della presenza dei topi richiamati dalle montagne di spazzatura accumulate in strada, anche di fronte alle scuole. Immagini che hanno avuto una grande eco sui media di tutto il mondo e che certo non hanno fatto bene al Paese.  Una situazione penosa, aggravata anche dal rimpallarsi delle responsabilità tra Roma Capitale e Regione Lazio.

Per sapere cosa intende fare il governo e quali iniziative voglia assumere il ministero dell’Ambiente, nell’ambito della Cabina di regia con Regione e Comune e d’intesa con i Sindaci dell’area metropolitana, per disinnescare l’emergenza rifiuti nella Capitale, ho presentato una interrogazione a risposta immediata in Assemblea al ministro Costa insieme ai colleghi Fassina e Fornaro”.

Così la deputata di LeU Rossella Muroni  annunciando il question-time di mercoledì 16 al ministro dell’ambiente Costa.

“Il problema dei gravi disservizi nella raccolta e nello smaltimento dei rifiuti romani – conclude Muroni – si è aggravato dopo l’incendio che l’11 dicembre ha colpito il Tmb Salario. Su 3.100 tonnellate di rifiuti indifferenziati prodotti ogni giorno a Roma, l’Ama ne tratta nei suoi impianti solo 700 e le restanti 2.400 finiscono fuori città e addirittura fuori Regione. Parte dei rifiuti della Capitale finisce poi nella discarica di Colleferro e nell’invaso di Civitavecchia. Non paga di godere già di tanta solidarietà sia in regione che fuori, la Sindaca che si è sempre dichiarata contraria alle discariche ha presentato la mappa con le aree idonee alla localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento dei rifiuti romani. Peccato che tali aree ricadono per la maggior parte nel territorio della Città Metropolitana anziché in quello del Comune. Fatto che sta scatenando le giuste proteste degli altri sindaci”.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi