L'INTERVISTA DI RADIORADICALE A ME ED ERASMO PALAZZOTTO DAL PRESIDIO DI SOLIDARIETÀ DI STANOTTE A PIAZZA SAN PIETRO

Il silenzio dell’Europa è vergognoso, l’Unione Europea su un tema importante ed epocale come quello della gestione dei migranti dovrebbe qualificarsi e darsi finalmente un’anima comune. Fino a quando non saprà affrontare la questione delle migrazioni e casi come questo della SeaWatch3 con una soluzione comune sarà lontana da quell’ideale politico di unità che era nelle sue aspirazioni fondative.
Ma le due forze che sono al governo in Italia hanno una responsabilità in più: il M5S in Europa ha votato contro la riforma del sistema di Dublino – il sistema per cui nella gestione dei migranti in UE non si applica la redistribuzione tra Stati membri ma il principio del primo ingresso – Salvini addirittura non ha partecipato ai lavori sulla riforma e si è alleato con i Paesi di Visegrad che hanno tutto l’interesse a lasciare l’Italia sola. E noi siamo la frontiera più esposta dell’UE.
Vedo poi che l’ex ministro Minniti si è finalmente accorto che la Libia non è un porto sicuro, peccato che l’Italia continui a sostenere la guardia costiera libica che commette crudeltà e violazioni dei diritti umani sia in terra che in mare. E questa è una contraddizione tutta italiana.
Noi continueremo a stare dalla parte della Sea Watch, di Mediterranea, delle Ong e di chi salva vite.
L’intervista che Lanfranco Palazzolo di Radio Radicale ha fatto a me e a Erasmo Palazzotto dal presidio di solidarietà con la SeaWatch3 e con i 42 naufraghi che sono a bordo di questa notte a piazza San Pietro promosso da Mediterranea.

 

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi