SALVAMARE

La legge SalvaMare aiuterà i pescatori ad assumere un ruolo importante per la qualità delle nostre acque e con il via libera oggi in Commissione Ambiente della Camera in sede legislativa si avvicina il traguardo di avere questo provvedimento in positivo per l’ambiente. 
Lo scopo del testo, che prende spunto dalla mia proposta di legge sul ‘fishing for litter’ ed ora dovrà tornare in Senato in quarta lettura, è infatti consentire ai pescatori di portare e conferire a terra i rifiuti che recuperano in mare, nei fiumi, nei laghi o nelle lagune, senza doverne sostenere i costi di smaltimento e promuovere il riciclo dei materiali ‘pescati’. Considerando che i rifiuti plastici che finiscono in mare si scompongono in parti sempre più piccole che vengono ingerite dai pesci entrando nella catena alimentare, si tratta di un’arma in più a tutela di ambiente e salute.
Il testo prevede anche attività di sensibilizzazione ed educazione ambientale nelle scuole vista l’importanza dei comportamenti corretti da parte di noi cittadini. 
Dopo un ampio esame nei due rami del Parlamento, il SalvaMare è tornato in terza lettura in Commissione alla Camera dove abbiamo esaminato le modifiche fatte dal Senato, rispetto alle quali abbiamo apportato alcuni ulteriori ritocchi abrogando la norma relativa alle diciture per l’etichettatura dei prodotti tessili o di abbigliamento che rilasciano microfibre. Modifica necessaria per recepire alcune indicazioni della Commissione Politiche Ue. Ma per velocizzare l’iter di approvazione del provvedimento, abbiamo richiesto e ottenuto la sede legislativa in Commissione Ambiente. Il testo del provvedimento quindi non andrà in Aula a Montecitorio, ma passerà direttamente al Senato. Dove speriamo si segua la stessa corsia preferenziale.
Voglio ricordare, infine, i progetti sperimentali di recupero dei rifiuti marini già realizzati lungo le coste italiane ai quali ci siamo ispirati e ringraziare per il loro impegno per il mare le associazioni ambientaliste, come Legambiente e MareVivo, WWF e Greenpeace.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi