PREOCCUPATA DA IDEA CHE CINGOLANI HA DI SE STESSO

Sull’allarme lanciato dal ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani sul probabile prossimo aumento del 40% delle bollette degli italiani a causa dei rincari del gas, credo che abbia risposto ottimamente Timmermans. il vicepresidente della Commissione Europea, ricordando che “se avessimo fatto il Green Deal 5 anni fa saremmo meno dipendenti dalle fonti fossili e dal gas naturale.

E’ il ritardo che stiamo pagando, non la scelta effettuata. Ma soprattutto quello che mi preoccupa tantissimo è l’idea che il ministro Cingolani ha… del ministro Cingolani, nel senso che lui che si dichiara da sempre un tecnico mi sembra stia prestando lo spazio e il fianco a polemiche assolutamente politiche, tese più a ragionare di come difendere i fossili, e il gas in prima battuta, che a difendere la transizione ecologica.

Anche l’uscita sulle bollette credo sia veramente irresponsabile, andrebbe affrontato il problema iniziando davvero dalle rinnovabili. Io ricordo che nel 2011 noi abbiamo realizzato circa 10 gigawatt di potenza da rinnovabili, nell’ultimo anno ne abbiamo fatto a malapena uno. Se il ministro Cingolani vuole davvero aiutare le famiglie italiane deve aiutare il paese a correre sul fronte delle rinnovabili, quindi meno interviste e più atti. 

 E’ evidente che se non capisce quale à il ruolo del ministero della Transizione ecologica forse ci vuole un’altra persona, ma non voglio prendermela col ministro Cingolani in sé, vorrei che il premier Mario Draghi, che ha detto questo doveva essere un governo ambientalista, venga lui in aula a riferire come davvero vogliamo farla questa transizione. Cingolani non sta facendo il suo mestiere ma il problema è quanto davvero il governo crede nella transizione ecologica.

La mia intervista alla 9 Colonne.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi