SU AIUTI AI PAESI IN VIA DI SVILUPPO I PAESI SVILUPPATI E INQUINATORI STORICI DOVEVANO FARE DI PIÙ

L’accordo approvato ieri sera alla Cop26 di Glasgow è un compromesso deludente, certo non all’altezza delle azioni radicali e urgenti che la crisi climatica in atto richiederebbe.
È importante che nel testo finale restino l’obiettivo di contenere entro un grado e mezzo dai livelli pre-industriali il surriscaldamento del Pianeta e quello conseguente di tagliare le emissioni di CO2 del 45% (rispetto al 2010) entro il 2030, per arrivare a emissioni nette zero ‘intorno’ a metà secolo. Per restare sulla traiettoria indicata dall’Accordo sul clima di Parigi gli Stati dovranno rivedere i propri impegni di riduzione delle emissioni entro il 2022 e c’è un riferimento significativo alla giusta transizione, ma ci sono due passi indietro su carbone e sussidi fossili.
Più che l’India o la Cina deludono i Paesi sviluppati, responsabili storici dell’inquinamento, che ancora non sono riusciti a ‘mettere sul tavolo’ quei 100 miliardi di dollari all’anno per aiutare la transizione energetica e l’adattamento dei Paesi in via di sviluppo e a basso reddito. Una promessa fatta nel 2009 che dal 2020 si sarebbe dovuta tradurre in stanziamenti effettivi e che il Patto di Glasgow ‘esorta’ a raddoppiare entro il 2025. Si poteva e si doveva fare di più. 
L’Italia, insieme all’Europa, faccia la sua parte, adegui il Piano energia e clima all’obiettivo 1,5 gradi, programmi dopo il phase out dal carbone anche quello dall’era delle trivelle e avvii dalla Legge di Bilancio il taglio graduale dei sussidi fossili.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi