Approvare gli emendamenti soppressivi del condono edilizio firmati da LeU e Pd era l’ultimo appello alla maggioranza. Perché si fermasse, perché non andasse avanti a creare un pericoloso precedente in un Paese a rischio sismico e idrogeologico come il nostro. Con i condoni del decreto Genova governo e maggioranza affermano il principio che ad ogni calamità naturale si potrà rispondere con una nuova sanatoria.
Ma davvero il M5S è andato al governo per fare questo? Uno scambio di convenienze con la Lega: a loro il condono fiscale ai 5Stelle quello edilizio. Un #condono che ha la firma di #DiMaio. Dov’è la coerenza? Pensavo che voi del M5S foste andati al governo per cambiare le cose, non per cambiare idea. Se il ministro Costa ha mal di pancia come dice, rinnovo l’invito: venga in Aula a fermare questo scempio. Uno dei miei numerosi interventi alla Camera durante l’esame del cosiddetto decreto Genova.

 

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, progressista e femminista, esperta di sostenibilità ambientale e Presidente di Nuove Ri-Generazioni. Fino a ieri presidente nazionale di Legambiente e vicepresidente della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi