COME FA L’EUROPA CON  PLASTIC E  CARBON TAX PER IL RECOVERY FUND

Rendere di nuovo il nostro Paese un luogo attrattivo per gli investimenti sulle rinnovabili, emanare presto e bene il decreto Fer2 per evitare che importanti opportunità vengano sprecate tagliando fuori il Paese delle tecnologie più promettenti ed efficaci, aiutare le aziende agricole che vogliono chiudere il ciclo produttivo e contribuire alla lotta al cambiamento climatico a produrre biogas con i propri scarti agricoli e a metterlo in rete. Concedere forme di premialità alle imprese che utilizzano materia prima seconda e materia rinnovabile e a chi sceglie nei concorsi pubblici la residenza in luoghi a rischio spopolamento.

Sono alcune delle proposte che importanti protagonisti della green economy italiana made in Sud – dal gruppo Angelantoni con Archimede Solar Energy a PrimaBio, da Orange Fiber a Sabox, da Edizero al progetto Fortunale fino a Novamont –  hanno avanzato al Ministro per il Sud e per la coesione territoriale Giuseppe Provenzano nel corso di un webinar promosso da Green Italia e Kyoto Club. Un incontro in cui si è parlato della necessità di una ripartenza green, di porre condizionalità ambientali negli aiuti pubblici per superare la crisi del coronavirus, seguendo anche la strada indicata dall’Europa che per sostenere i Paesi colpiti propone con la Commissione europea un Recovery fund finanziato anche con una tassa sulla plastica e una carbon tax. Ossia una misura di fiscalità ambientale che ci siamo rimangiati e una che non abbiamo mai voluto fare.

Nell’incontro promosso da Green Italia e Kyoto Club, però, lo stesso Ministro Provenzano ha  sottolineato l’importanza di ripartire dai territori e dal Sud, tenendo insieme giustizia sociale e giustizia ambientale e lavorando per ridurre le disparità che esistono nel Paese.

Temi e proposte che racconto in questo intervento su La Stampa

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi