DAL COMMISSARIO SOLUZIONI AD ALTO IMPATTO AMBIENTALE MA A BASSO ASCOLTO DEL TERRITORIO

Ancora una volta la politica abdica al suo ruolo e demanda le scelte più scomode a un Commissario, come il Prefetto di Brescia Visconti nominato lo scorso giugno commissario per la depurazione del Garda. Che oggi in audizione alla Commissione Ambiente della Camera ha rivendicato la sua scelta sul sito di Gavardo-Montichiari con scarico nel Chiese per le nuove opere di collettamento e depurazione delle acque della sponda bresciana del Garda. Una scelta che ha motivato citando consulenze scientifiche, senza fugare però il legittimo sospetto che fosse tutto già deciso.

La soluzione scelta è calata dall’alto, sbagliata e non tiene conto della volontà né delle soluzioni alternative espresse da comunità locale, associazioni, imprese e istituzioni del territorio interessato. Come i comitati mamme del Chiese, referendario acqua pubblica Brescia, Gavardo ambiente informazione attiva, Visano respira, mamme del Garda, la Federazione delle associazioni che amano il fiume Chiese ed il suo lago d’Idro e il Tavolo provinciale basta veleni auditi anch’essi dalla Commissione.

In particolare, la soluzione indicata di Gavardo-Montichiari non considera il fatto che la portata del Chiese non ha le caratteristiche necessarie: per diversi mesi l’anno, da Calcinato in poi, il fiume è praticamente in regime d’asciutta per utilizzi agricoli delle acque. Scaricare nel Chiese, quindi, comprometterebbe pesantemente la vita e l’ecosistema di questa asta fluviale. Sarebbe stato più giusto non interrompere con la nomina del Commissario un processo già avviato con tavoli territoriali, come sarebbe giusto tornare ad ascoltare istituzioni e comunità locali e fare i necessari approfondimenti per arrivare a una soluzione davvero capace di risolvere i problemi ambientali del Garda. Una pagina certo non bella per la democrazia e l’ambiente.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi