IL GOVERNO INDICA UN NEMICO PER EVITARE DI RISPONDERE A ITALIANI SU CRISI E PROBLEMI REALI. IL MIO INTERVENTO IN AULA
Per il mio Paese e per i nostri figli non mi sarei mai augurata un decreto come il Sicurezza Bis. Qui non c’entrano niente poco più di 3.000 disperati che nei primi 6 mesi del 2019 sono sbarcati sulle nostre coste, quanto la paura del futuro che ormai rende l’aria del Paese irrespirabile e la pericolosissima strumentalizzazione politica che il governo giallobruno ne sta facendo.

La maggioranza non ha la capacità di risolvere i problemi degli italiani, non ha risposte per combattere le crisi economica, sociale e culturale dilaganti, per fermare le morti sul lavoro, per mitigare gli effetti dei mutamenti climatici, per arrestare i femminicidi compiuti da italianissimi ex compagni e mariti! Non avendo soluzioni per i problemi reali degli italiani, il governo indica un capo espiatorio, un nemico da colpire. Oggi sono le Ong e i migranti, domani chissà. Un’operazione di distrazione di massa fatta sulla pelle dei disperati.

Il cosiddetto dl Sicurezza bis non ha alcun requisito di urgenza e necessità: diminuiscono i reati che destano allarme sociale, come furti, rapine, omicidi, i dati del Viminale riportano una riduzione degli sbarchi – nell’ultimo biennio – superiore al 96%. Abbiamo quindi un problema sia di merito che di metodo: è una norma propaganda che mira sostanzialmente a colpire i nemici del Ministro degli Interni e a concentrare nelle sue mani poteri e decisioni. E si fa questa operazione esautorando il ruolo del Parlamento su un provvedimento che incide sui diritti fondamentali delle persone.  Siamo di fronte a un governo in eterna crisi adolescenziale che un giorno litiga e il giorno dopo fa pace, un teatrino indegno che nasconde un eterno mercanteggiare: tu dai una cosa a me da gettare in pasto alla folla, io do una cosa a te per coprire i tuoi scandali!

Il mio intervento in Aula a Montecitorio nella discussione generale sul cosiddetto decreto Sicurezza Bis.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi