RICORDIAMOCELO ANCHE NEL VOTO EUROPEO. IL MIO INTERVENTO SU LINKIESTA

È uno dei beni comuni più preziosi, eppure con poche eccezioni non ci facciamo scrupolo di continuare a consumarlo. Dal suolo dipende gran parte della nostra vita: è dalla terra infatti che arriva il cibo che ci nutre, è il suolo che svolge un’indispensabile azione di trattenimento del carbonio aiutandoci a contrastare il cambiamento climatico ed è sempre la terra che drenando e assorbendo l’acqua ci aiuta ad affrontare le conseguenze della crisi climatica come bombe d’acqua e alluvioni. Nonostante tutto questo il suolo è minacciato, consumato, cementificato.
Ispra ci dice che la copertura artificiale del suolo aumenta al ritmo di 2 metri quadrati al secondo e che nell’insieme abbiamo ormai intaccato il 7,65% di territorio nazionale (dati 2018). Il fenomeno contribuisce, tra l’altro, ad acuire il dissesto idrogeologico del nostro già fragile Paese, dove il 91% dei comuni sono a rischio idrogeologico. Abbiamo un territorio tanto fragile, ma nessuno in Europa ha fatto peggio di noi sul consumo di suolo.
Sarebbe il caso che iniziassimo ad agire avendo la massima cura per la corretta gestione del territorio, la mitigazione del dissesto idrogeologico e la sicurezza dei cittadini. Con questi principi ben presenti il primo giorno di Legislatura ho presentato una proposta di legge contro il consumo di suolo che introduce un limite e il monitoraggio dell’impermeabilizzazione del territorio, misure per la tutela e la valorizzazione del suolo agricolo, priorità per il riuso del patrimonio edilizio esistente e misure di incentivazione per la rigenerazione urbana. Per dare una risposta efficace in chiave di prevenzione anziché di emergenza.
Dal Senato, nei mesi scorsi, è iniziato, l’esame delle proposte contro il consumo di suolo, abbinando i vari testi presentati dai diversi gruppi. Di recente sulla materia è arrivato anche un testo della Lega che vuole “contenere” il consumo di suolo e normare su un uso “responsabile” del patrimonio edilizio e delle risorse naturali. Un vero cavallo di Troia per ampliare le possibilità di rigenerazione urbana e riuso di aree industriali, per modellare in un senso più lasco il contenimento del consumo di suolo. Una mossa che la dice lunga sulle divisioni del governo giallobruno, che ostacoleranno anche il via libera a una legge contro il consumo di suolo in questa Legislatura. E forse considerando le ‘mine’ piazzate dalla Lega in Senato alla legge è meglio così.
Allora, in considerazione del ruolo fondamentale dell’Europa per l’approvazione di leggi importanti sul fronte ambientale, cogliamo le opportunità che ci vengono dall’essere in Europa e puntiamo a una direttiva europea sul consumo di suolo. Sarebbe un segnale importante di rinnovamento dell’UE, sarebbe un’operazione rivoluzionaria sul piano culturale un’Europa che ragioni del suolo come un unico bene comune e andrebbe incontro alla richieste della petizione lanciata da Legambiente insieme a tante altre organizzazioni non governative italiane ed europee. È importante andare a votare alle europee ed è fondamentale farlo scegliendo chi ha cultura e competenze per fare bene al nostro ambiente. Suolo e clima compresi.
Il mio intervento su Linkiesta in versione integrale è disponibile qui.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi