SU REPUBBLICA PARMA TUTTI DETTAGLI SULLA MIA INTERROGAZIONE SUL CASO LAMINAM

Da quando è arrivata la Laminam a Borgotaro sono arrivate anche centinaia di segnalazioni per disturbi di tipo allergico e irritativo su pelle e sistema respiratorio. L’azienda sotto accusa ha dovuto installare nuovi filtri ai camini e un nuovo sistema di monitoraggio delle emissioni in atmosfera e dopo aver sospeso la produzione per dodici mesi, ha ripreso la produzione. Anzi la vuole triplicare. Peccato che i disturbi nella popolazione continuino e anzi si siano aggravati. Un’indagine della procura di Parma ha rilevato la presenza, nei fumi della Laminam, di sostanze cancerogene, irritanti e allergeniche. Ma la Laminam ha chiesto la secretazione delle sue analisi per quanto riguarda i fumi del forno di cottura.
E qui la domanda sorge spontanea: le esigenze produttive di un’azienda possono prevalere sul diritto a conoscere la probabile fonte di danno alla salute dei cittadini? Non sarebbe più opportuno, come suggerito anche dall’associazione Isde-Medici per l’Ambiente, nel rispetto del principio di precauzione e viste le analisi eseguite da Procura e Cnr verificare il livello di inquinamento e promuovere un’indagine epidemiologica dell’Istituto Superiore di Sanità? E non sarebbe il caso di avviare un percorso di coinvolgimento dei cittadini per assicurarne la partecipazione attiva nelle decisioni che riguardano la tutela della loro salute? E’ quanto ho chiesto ai ministri dell’Ambiente, della Salute e dello Sviluppo Economico nell’interrogazione sul caso #Laminam di cui da conto Repubblica Parma in questo articolo .

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi