LA MOBILITÀ SOSTENIBILE HA BISOGNO DI ATTI CONCRETI NON SOLO DI PAROLE

Mentre alla Camera si lavora sulla promozione della mobilità sostenibile nel decreto Rilancio, ad esempio con due emendamenti a mia prima firma per riconoscere anche gli studenti fuori sede il bonus bici e per istituire il doppio senso ciclabile nelle nostre città, a Roma scappa l’ennesima compagnia di bike sharing. Un copione già visto. Dopo neanche un anno Uber-Jump è pronta a passare il testimone alla californiana Lime e in attesa che arrivi la nuova flotta di bici in condivisione si è ridotto sensibilmente il numero delle bici elettriche a noleggio di Jump in città. Creando seri disagi ai cittadini che vorrebbero fare affidamento sul bike sharing per contribuire a rendere più pulita l’aria e rendendo la città una delle poche capitali europee che non riesce a dotarsi di un servizio di bike sharing degno di questo nome.

Proprio la bici con gli altri mezzi di micro elettrico, specie dopo l’arrivo del coronavirus, è la candidata ideale per garantire libertà e sicurezza negli spostamenti ai cittadini, aria più pulita per i nostri polmoni e città più vivibili per tutti. Evitando che la paura del contagio e la difficoltà del trasporto pubblico locale legate al periodo creino un pericolosissimo effetto boomerang sommergendo le città con un’onda di ritorno di traffico privato motorizzato e smog.

Sembra non averlo capito l’amministrazione della nostra Capitale, che nei fatti non riesce a centrare l’obiettivo di un piano per una mobilità intermodale, dolce e sostenibile, fatto di trasporti pubblici, cura del ferro, ma anche di mezzi elettrici, sharing-mobility, ciclabili e corsie dedicate all’utenza debole come pedoni, bici, monopattini e monowheel e overboard.

La mobilità sostenibile ha bisogno di una nuova cultura della mobilità e va sostenuta, ma oltre alle parole ha bisogno di provvedimenti e atti concreti. Anche da parte dell’Amministrazione di Roma. Se non ora quando?

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi