DAGLI SCARICHI A MARE AL RILANCIO DELLA PLASTICA MONOUSO...SE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO 

Se il buongiorno si vede dal mattino mi pare evidente che la ‘Fase 2’ per l’ambiente è iniziata con il piede sbagliato. Due esempi eloquenti: il rilancio della plastica usa e getta (non solo per i necessari dispositivi di protezione personale) accompagnato da una campagna di promozione per la quale la plastica sarebbe la via più sicura per far ripartire il Paese. È necessario invece puntare sulla riduzione dell’usa e getta che lungi dall’essere il più sicuro (il virus rimane sulla plastica per 72 ore secondo i National Institutes of Health) comporta anche più passaggi e contatti: insomma la borraccia personale rimane di gran lunga la scelta migliore rispetto alla bottiglia in pet, anche in tempi di covid. E’ fondamentale che il Governo e in particolare il Ministero dell’Ambiente si dotino di un piano per evitare che il Paese venga ricoperto da plastica, sostenendo inoltre con forza le innovazioni e la ricerca che su questo fronte ci aiuteranno a rendere l’utilizzo della plastica non un ritorno al passato. Una parola su tutte: compostabile! Laddove impossibile evitare l’usa e getta è questa la soluzione.

L’altro fronte che ci riporta “alla normalità” è quello del stato dei fiumi e del mare.  Se durante il periodo di lockdown le acque del Sarno erano diventate limpide dimostrando la grande capacità di rigenerazione della natura, con i primi giorni di ripartenza sono subito tornate torbide e inquinate. Come denunciato dal co-portavoce nazionale di Green Italia Carmine Maturo. Situazione simile sull’Agnena, che a 48 ore dalla fine del lockdown ha sversato una impressionante macchia nera in mare, monitorata dall’Arpac, e che è probabilmente dovuta a liquami di origine animale sversati illegalmente nel fiume da un allevamento bufalino.

Sono necessari controlli pianificati e indagini tempestive per individuare e sanzionare i responsabili dell’inquinamento dei nostri fiumi, che in questo periodo è più agevole scovare. In tal senso è importante che il ministro dell’Ambiente Costa abbia attivato i Carabinieri del Noe per controlli sul Sarno e indagini in zona. Ma serve un passo in più: l’impegno a non tornare indietro e a ripartire col piede giusto, anche sul fronte della tutela ambientale.

Vista la gravità della situazione ho depositato un’interrogazione al Ministero dell’Ambiente per sollecitare la costituzione di una task-force che veda collaborare Governo, Regione, Noe e le altre forze dell’ordine con competenza in materia di delitti ambientali, tecnici di Ispra e Iss e dipartimenti universitari per analizzare la natura dell’inquinamento e realizzare un monitoraggio su acque e terreni limitrofi così da verificare se ci siano eventuali pericoli per la salute e l’ambiente. Al ministero chiedo anche iniziative affinché siano avviati rapidamente interventi di risanamento dei due fiumi.

 

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi