IL MIO EDITORIALE SU LINKIESTA

Oltre il 60% delle spiagge italiane è occupato da stabilimenti balneari che pagano canoni irrisori alla Stato. E con la proroga di 15 anni alle concessioni, introdotta su spinta della Lega in legge di Bilancio, il governo ha fatto un bel regalo al comparto. Ma la misura non rispetta la direttiva Bolkenstein sulla concorrenza e per questo la Commissione europea ha scritto al Governo Italiano per annunciare l’avvio dell’ennesima costosissima procedura di infrazione. Ma un governo che aspira a cambiare questa Europa dovrebbe iniziare almeno dalla tutela del bene comune e dal rispetto delle direttive comunitarie (e magari anche dalla partecipazione attiva nella loro definizione).
Il risultato è che oggi si prosegue la corsa a occupare ogni metro delle spiagge italiane con stabilimenti che, troppo spesso, privatizzano di fatto le nostre coste. Mentre è bene ricordare che le spiagge sono di tutti.
Servirebbe applicare con intelligenza la Bolkenstein, dando certezze a chi lavora in questo settore e premiando chi scommette sulla qualità dell’offerta a partire dalla sostenibilità ambientale, dall’accesso ai disabili, dalla valorizzazione di cultura ed economia territoriale. Invece anche il governo del cosiddetto cambiamento ha scelto di rincorrere gli interessi particolari del proprio elettorato a scapito dell’interesse generale.
Il mio intervento su Linkiesta si può leggere qui

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi