LA MIA INTERVISTA A GREEN EUROPEAN JOURNAL

L’Italia è uno dei più grandi paesi europei in cui manca una forte presenza “verde” in politica.
Nonostante le lotte sul territorio di lunga data, un movimento organizzato e una crescente consapevolezza nella società, né i principali partiti né il mondo delle imprese e della finanza – con poche eccezioni – hanno iniziato a prendere sul serio le tematiche ambientali. Un dato di fatto che va ben al di là degli errori commessi in passato dalla politica e coinvolge anche noi ecologisti, che abbiamo faticato a lungo per rendere l’ambiente e la conversione ecologica una questione ‘popolare’. Ma soprattutto questo dato di fatto riguarda un ritardo culturale e una mancanza di visione.
Un esempio. L’Italia produce il 70% della plastica monouso utilizzata in Europa. Dopo l’approvazione delle direttiva che mette al bando la plastica usa e getta, sarebbe stato dunque nostro interesse nazionale preparare bene l’applicazione delle direttiva e accompagnare l’industria italiana del settore verso la sostenibilità, verso la necessaria trasformazione. Ma la politica per lungo tempo non si è preoccupata di farlo. E gli investimenti del pacchetto industria 4.0 di fatto non hanno promosso una trasformazione sostenibile della produzione.
Oggi il Green deal europeo è un’opportunità da cogliere per mettere in campo un grande e lungimirante piano industriale per il Paese. Da ecologista intendo, però, questo piano come una grande trasformazione che deve toccare e rivoluzionare l’economia e la società. Pensiamo ad esempio al nuovo ruolo dei cittadini, che possono diventare da semplici consumatori a produttori di energia o fornitori di materiali grazie al riciclo. Al di là del mio pensiero, il Green deal dovrebbe suscitare interesse e attenzione anche da parte del settore industriale. Perché la trasformazione ecologica sta comunque arrivando ed è importate essere preparati. E perché convertire la nostra economia verso modelli sostenibili oltre ad essere necessario è anche una grande opportunità per creare nuova occupazione duratura e di qualità, di creare una società più equa, inclusiva e felice. Purtroppo però grandi aziende italiane, anche partecipate pubbliche, fanno un buon lavoro all’estero e niente in casa.
La politica si deve muovere. Per un soggetto ecologista autonomo servono generosità, visione, apertura e voglia di parlare con le tante esperienze nate sui territori. Come avremmo dovuto imparare da #AlexLanger, infatti, l’idea di essere autosufficienti è in contraddizione con l’ecologia moderna.
L’ecologia può essere un modo per far avvicinare e appassionare di nuovo le persone alla politica. E anche se il mio campo è il centro sinistra, visto che l’ambiente è una questione trasversale che riguarda ognuno di noi e tutti i settori, spero che anche le forze di centro destra diventino più consapevoli del tema. E ai Verdi Europei vorrei dire che devono interessarsi anche dell’Italia, non possono lasciarci così indietro. Sogno di vederli viaggiare e lavorare anche nel nostro Paese, confrontandosi con le tante esperienze ecologiste sperimentate dai nostri territori.
La mia intervista a Green European Journal in versione integrale.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi