HO CHIESTO INDAGINE SUL TMB SALARIO IN COMMISSIONE ECOMAFIE E LA CHIUSURA DELL’IMPIANTO ALLE COMMISSIONI AMBIENTE E AFFARI SOCIALI

Da stamattina brucia l’impianto Ama di Trattamento Meccanico Biologico di via Salaria (Tmb Salario). Di cosa si stia sprigionando dalle fiamme e da cosa, o da chi, abbia avuto origine il rogo sapremo solo nei prossimi giorni. Forse. Per il momento sappiamo solo di un assurdo Paese dove gli impianti bruciano e i cittadini soffrono. Il Tmb Salario è  da anni al centro delle proteste dei residenti della zona per i miasmi che emana 24 ore al giorno, esalazioni che tengono in ostaggio circa 50 mila cittadini che vivono nei quartieri di Villa Spada, Fidene, Colle Salario, Nuovo Salario.

L’impianto non è in grado di smaltire in tempi adeguati l’enorme quantità di rifiuti che viene conferita giornalmente, con la conseguenza che i rifiuti indifferenziati si accumulano all’interno del deposito trasformandolo a tutti gli effetti in una discarica. E dopo la recente relazione con cui Arpa Lazio ha messo nero su bianco le gravi inadempienze del Tmb Salario, la procura di Roma ha aperto un nuovo fascicolo di inchiesta sull’impianto. Si configurerebbero tra gli altri il reato di gestione non autorizzata di rifiuti e di inquinamento ambientale.

Proprio oggi ho depositato due atti a mia prima firma: la richiesta di un’indagine sul TMB Salario da parte della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati  e la risoluzione presentata alle Commissioni Ambiente e Affari Sociali per la chiusura del Tmb Salario e l’avvio di un’indagine epidemiologica sulla popolazione. Auspicabile infine che sul Tmb intervenisse anche il ministero dell’Ambiente inviando il Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri, come chiedo nella mia risoluzione.

Qui è disponibile il testo della Risoluzione TMB Salario sottoscritto anche dalla collega Rostan

11 dicembre 2018

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Iscriviti alla newsletter

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi