PRESENTATA INTERROGAZIONE AL MINISTRO DEGLI INTERNI
Con i colleghi Paolo Lattanzio, Lia Quartapelle, Alessandro Fusacchia ed Erasmo Palazzotto abbiamo presentato un’interrogazione parlamentare per chiedere al Ministro dell’Interno lo scioglimento di Forza Nuova e di CasaPound. Consideriamo il diritto alla libertà di espressione inviolabile ed è proprio per questo che riteniamo non si possa permettere ad organizzazioni che si rifanno ad una ideologia, quella fascista – che lo nega – di potere legittimamente esistere. Oggi più che mai bisogna difendere la legittimità di manifestare il proprio dissenso nei confronti di misure che sappiamo bene rappresentare un grande sacrificio per tantissime cittadine e cittadini, ma non possiamo assolutamente accettare che organizzazioni di chiaro stampo fascista infiltrino le manifestazioni pacifiche compiendo atti di guerriglia e violenza.
Forza Nuova sta approfittando di un diffuso sentimento di malcontento per alimentare l’odio e la violenza nella società, in un momento in cui invece è necessaria maggiore coesione sociale e responsabilità.
La persistenza nel nostro Paese di gruppi di estrema destra, apertamente connessi alla sfera del neofascismo, diventa un elemento che – in momenti particolarmente complessi, come quello che stiamo vivendo – può trasformarsi in una fonte ulteriore di destabilizzazione, soprattutto quando si sfruttano dinamiche di violenza inaccettabile e ingiustificabile. Come dimostrano i processi in corso in diverse procure italiane nei confronti delle due forze politiche. La nostra Costituzione vieta apertamente qualsiasi forma di ricostituzione del partito fascista e la c.d. Legge Scelba, determinando il reato di apologia al fascismo, ha rappresentato in passato la base giuridica per lo scioglimento di gruppi come Ordine Nuovo, Avanguardia Nazionale e Fronte Nazionale.
Esistono tutti i presupposti – sociali, giuridici, storici – perché si possa procedere con il discioglimento di Forza Nuova e di CasaPound, e quanto accaduto nell’ultima settimana ci fornisce semplicemente un ulteriore spunto per avanzare questa richiesta, diventata indiscutibilmente urgente e prioritaria, ritenendo ormai inaccettabile qualsiasi convivenza politica con gruppi neofascisti che la nostra Costituzione ripudia.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi