SUL CASO VOGLIAMO VEDERCI CHIARO E NE ABBIAMO PARLATO A ENVINEWS

Alcune decine di container contenenti alcune centinaia di tonnellate di rifiuti provenienti dall’Italia sono sequestrati al porto di Sousse in Tunisia. Su questa vicenda, figlia di un contratto concluso da una società tunisina per l’importazione di rifiuti dall’Italia, il ministero tunisino degli Affari locali e dell’Ambiente ha disposto l’apertura di un’indagine.
Ne ho parlato questa mattina a #envinews con il deputato tunisino Majdi Karbai, con il direttore generale dell’ISPRA Alessandro Bratti, con il senatore Luca Briziarelli e  con l’ingegnere Adel Belhadj Amor del Club Amici dell’Italia grazie a Roberto Cavallo, che con la cooperativa Erica collabora da nove anni con la Tunisia su progetti che hanno portato ottimi risultati.
Sul caso dovremo aspettare che l’inchiesta vada avanti, ma la cosiddetta Commissione Ecomafie – che è una commissione parlamentare di inchiesta, ha una competenza diretta su questi fenomeni e possiamo chiedere che si attivi.
Per dare un quadro sul traffico illecito di rifiuti vorrei richiamare i numeri del Rapporto Ecomafia 2019 di Legambiente: da febbraio 2002 al 31 maggio 2019 sono 459 le inchieste condotte e chiuse dalle forze dell’ordine utilizzando il delitto di organizzazione di traffico illecito di rifiuti, il primo ecoreato individuato e istituito. Ma siccome, come insegna don Ciotti,  la moneta buona scaccia quella cattiva è importante lavorare sia sulla repressione degli illeciti che facilitare la vita alle aziende virtuose. Infine, visto che l’inquinamento non conosce confini, dobbiamo rafforzare la cooperazione internazionale almeno tra i Paesi del Mediterraneo.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi