MA LA CRISI CLIMATICA VA AFFRONTATA SUBITO NON C'E' PIU' TEMPO DA PERDERE
Con 2 milioni di ettari coltivati con metodo bio e il primato dei prodotti distintivi siamo leader in Europa per sicurezza alimentare e agricoltura sostenibile e di qualità. Cibo buono e sano, coltivato rispettando l’ambiente e la salute, senza avvelenare terra e acqua con l’uso di pesticidi diserbanti o concimi chimici. Qualità grazie alle quali il made in Italy alimentare è apprezzato nel mondo. Eppure non è questo modello di agricoltura che l’Italia sta rivendicando e mettendo al centro della nuova Politica agricola comune (Pac).
I ministri dell’agricoltura dell’UE hanno adottato una posizione che indebolisce la proposta della Commissione europea per la Pac post 2020 e anche l’Europarlamento ha votato emendamenti peggiorativi del testo.
Nella Pac disegnata da Consiglio e Parlamento Europeo ci sono risorse inadeguate per la cura di suolo e clima, escono indebolite le norme sulla condizionalità ambientale, c’è poca attenzione alla conservazione della biodiversità e si spende larga fetta dei budget nazionali dei pagamenti diretti per il sostegno al reddito degli agricoltori. Sostegno di cui nella realtà beneficiano in modo prevalente i grandi proprietari terrieri e gli allevatori intensivi, trattandosi di sussidi proporzionati alle superfici coltivate e al numero di capi allevati, mentre alle aziende piccole e medie che sono l’ossatura del tessuto rurale nelle aree interne va un budget marginale. E non vengono recepiti gli obiettivi del Green Deal europeo. Grazie quindi agli europarlamentari che non hanno votato a favore della relazione segnalando un dissenso.

Se queste sono le premesse  il Green deal agricolo, su cui tanto e bene si era fin qui spesa la Commissione Europea a guida Von Der Leyen, rischia seriamente di morire in culla. Ma la crisi climatica va affrontata subito perché non c’è più tempo da perdere.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi