LA SFIDA È AVERE UNA VISIONE CHE TENGA INSIEME AMBIENTE, SALUTE E LAVORO, CHE SIA ANCHE ECONOMICA E POPOLARE, DIMOSTRARE L’UTILITÀ DELLE SOLUZIONI CHE PROPONIAMO

Ho letto con interesse l’intervista a Bersani firmata da De Marchis su Repubblica. A Pier Luigi vorrei però dire che se restiamo ancorati a una visione novecentesca della società e dell’economia continueremo a perdere. È vero che serve una sinistra popolare che si occupi dei più deboli, facendosi carico anche della questione mobilità. Ma se l’obiettivo è rendere più semplici, accessibili e sostenibili gli spostamenti degli italiani, la soluzione non sono gli incentivi alla rottamazione. Serve piuttosto migliorare l’offerta di trasporto pubblico locale, privilegiando le tecnologie più pulite ed efficienti. Aumentare la frequenza dei treni per i pendolari, peraltro, significa anche mettere più treni sui nostri binari e dunque più occupazione nell’industria ferroviaria.

Blocchi e limitazione alla circolazione privata sono una misura non esaustiva e non risolutiva, ma utile ad arginare lo smog. Che in Italia causa 84.400 morti premature l’anno.

Paradossalmente mentre le nostre città soffocano nel traffico e sempre più italiani cercano alternative al mezzo privato, una eccellenza italiana come la ex Irisbus è a rischio chiusura. Non solo i nostri polmoni ma anche le migliaia di imprese dell’automotive italiano e il settore dei Trasporti ferroviari ed elettrificati, che nel 2017 ha fatturato 3,6 miliardi di euro (Assifer), avrebbero da guadagnare da politiche che investono sul trasporto pubblico locale e sostenibile. Il necessario rafforzamento della mobilità collettiva e condivisa sia allora l’occasione per ricreare una filiera industriale legata alla mobilità ibrida ed elettrica e alla produzione di nuovi treni, tram e autobus.

La sfida è avere una visione che tenga insieme ambiente, salute e lavoro. Come insegna la rivolta dei gilet gialli francesi contro la tassa sul diesel, senza un progetto di società e di sviluppo sostenibile e condiviso la sinistra e l’ambientalismo rischiano di essere percepiti come elitari. Bisogna essere consapevoli che la crisi climatica è una crisi sociale oltreché ambientale, perché colpisce per primi i poveri del mondo e anche i più deboli in Italia, si pensi alla inattesa frequenza e violenza delle ondate di calore le cui vittime sono principalmente gli anziani. Ebbene queste crisi che si intrecciano impongono prima di tutto alla sinistra di rinnovare linguaggio e obiettivi. Dobbiamo avere l’ambizione di proporre una visione che sia anche economica e popolare, dimostrare l’importanza delle questioni che poniamo e l’utilità delle soluzioni che proponiamo. Perché, come diceva Alex Langer, la conversione ecologica potrà affermarsi solo se apparirà socialmente desiderabile.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi