BISOGNA DARE ALLE NOSTRE AREE PROTETTE IL FUTURO CHE MERITANO

La risposta del ministro dell’Ambiente al question-time firmato da me e dai colleghi Fornaro e Pastorino sulla situazione di grave ritardo nelle nomine dei vertici di troppi Parchi nazionali, che di fatto compromette l’attività delle aree protette, non mi tranquillizza affatto. Il Ministro Costa ci ha detto in sostanza che ha voluto attendere lo svolgersi delle elezioni amministrative visto che le nomine richiedono l’intesa con le regioni interessate. Credo sia urgente dare una governance forte e concreta alle nostre aree protette, proprio per metterle in condizione di custodire il capitale naturale e di valorizzare insieme ai comuni che ne fanno parte i nostri territori.

Mi preoccupa, però, la prospettiva che le nomine dei presidenti, e anche quelle dei direttori, dei Parchi nazionali finiscano nell’ennesima trattativa tra le forze politiche della maggioranza. O forse è più corretto dire nell’ennesimo braccio di ferro tra M5S e Lega. Vedi il caso del Parco nazionale del Circeo, in cui la commissione Ambiente del Senato ha bocciato il nome proposto dal ministro per il presidente.

Se queste sono le premesse spero che la legge sui Parchi, che a inizio mandato il ministro ha affermato di voler rivedere, non venga toccata. Parchi e aree protette sono fondamentali per la difesa degli habitat e della biodiversità, ma hanno anche un ruolo strategico in quanto luoghi di sperimentazione di pratiche innovative e modelli di sviluppo sostenibili da cui tutto il Paese prende esempio. Hanno bisogno di concretezza, stabilità e serenità e non di finire nel ping-pong infinito cui ci hanno abituato le forze di questo governo. Serve concretezza e visione per disegnare il futuro che i nostri Parchi meritano da qui ai prossimi 20 anni.

Il mio commento alla risposta che il ministro dell’Ambiente Costa ha dato al mio question-time sui motivi del grave ritardo nella nomina dei vertici di circa la metà dei Parchi nazionali italiani.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi