GAS COMPRESO

Il governo ha più volte dichiarato di voler dar corso a un Green new deal e che vorrebbe lo sviluppo sostenibile in Costituzione. Se questo esecutivo vuole essere davvero di svolta, può e deve mettere l’Italia all’avanguardia sul fronte dello sviluppo sostenibile e della lotta ai mutamenti climatici. A partire dalla dichiarazione dello stato di emergenza climatica e da una finanziaria che inizi a tagliare gradualmente i sussidi dannosi per l’ambiente, ad alzare i ridicoli canoni di concessione per i beni pubblici come acqua minerale, cave, spiagge o autostrade, e a rimodulare l’Iva tenendola più bassa per i prodotti che inquinano meno. Quanto sia urgente agire in questa direzione ce lo ricorda drammaticamente l’ondata di maltempo che sta sferzando l’Italia provocando vittime e gravi danni anche alle nostre città d’arte, come Venezia e Matera.

Per questo ho depositato da mesi una mozione per dichiarare lo stato di emergenza climatica che andrà in Aula alla Camera la prossima settimana e che impegna, tra l’altro, il governo ad accelerare la transizione energetica e a realizzare un Green new deal di ampio respiro che promuova la conversione ecologica della nostra società e della nostra economia.

Mi auguro anche che il nostro Paese al consiglio di amministrazione della Banca Europea per gli Investimenti di giovedì 14, appoggi senza riserve la nuova strategia per gli investimenti energetici proposta dall’istituto di credito che da fine 2020 vorrebbe mettere al bando tutti i finanziamenti a progetti che riguardano i combustibili fossili, gas compreso. Il futuro dell’energia, infatti, non è delle fonti fossili, ma delle energie rinnovabili, dell’efficienza, delle tecnologie per l’accumulo. E non abbiamo bisogno di altro gas per realizzare la transizione energetica: già oggi l’infrastruttura del gas esistente è circa il doppio della domanda europea.

Se non ci fosse l’accordo sulla proposta della BEI e fosse necessario rivedere il testo, andrebbe mantenuta la data-obiettivo di fine 2020 e andrebbe tenuto ben presente che è l’uso delle fonti fossili, senza nessuna eccezione, a provocare la febbre del pianeta.

 

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi