IL MIO COMMENTO SU LA STAMPA

Non è paragonabile al piano tedesco da 100 miliardi di investimenti al 2030 per la tutela dell’ambiente, ma il via libera del Consiglio dei ministri al decreto Clima è un primo segno di discontinuità con cui la questione scottante del clima entra tra le priorità del governo.

Nel provvedimento ci sono un insieme di misure condivisibili, dagli incentivi alla mobilità sostenibile alla promozione dei prodotti sfusi, ma che non porteranno alla riduzione delle emissioni di cui il Paese ha bisogno. Nella lunga fase di gestazione del decreto sono, infatti, venute meno alcune delle importanti misure annunciate come Cipe ‘green’, il rafforzamento della VIA con l’inserimento della Valutazione di impatto sanitario e il taglio graduale dei sussidi ambientalmente dannosi che viene rinviato alla Legge di Bilancio.

Il provvedimento, dunque, è solo l’inizio di un percorso che mi auguro si dimostri presto ben più solido e ambizioso. Perché il clima non si difende con le buone intenzioni, ma con un robusto piano di investimenti pubblici orientati alla sostenibilità. Se il nuovo esecutivo vuole fare della lotta ai mutamenti climatici quel fattore identitario e di discontinuità più volte invocato, ci sono alcune cose che può fare subito: sostenere la proposta della Bei che vorrebbe vincolare i propri fondi a progetti utili all’azzeramento delle emissioni. Iniziare già dalla manovra il taglio graduale dei 19 miliardi di sussidi che annualmente versiamo alle attività inquinanti, alzare le royalties sulle estrazioni di idrocarburi e far pagare finalmente il giusto per la concessione dei beni comuni. Così si libererebbero le risorse per dare avvio all’auspicato Green new deal.

Il mio intervento su La Stampa in versione integrale è disponibile qui.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi