MA DOPO L’INCHIESTA DI FANPAGE BISOGNA FARE PIENA LUCE SULLA MORTE DI DE GRAZIA. MIO QUESTION TIME ALLA CAMERA

Quella delle navi a perdere è una storia italiana che Legambiente denuncia dal 1993. La recente inchiesta pubblicata da FanPage è tornata ad accende i riflettori su queste navi cariche di veleni che sono state inabissate nelle acque italiane e sulla misteriosa morte del capitano di corvetta Natale De Grazia, uno straordinario servitore dello Stato che indagava proprio sulle navi dei veleni.

Lo stanziamento di fondi per indagare di nuovo e in modo più approfondito sulla questione annosa delle navi a perdere e in particolare nelle aree marine di Cetraro, Amantea e Capo Spartivento, notizia data dal ministro dell’Ambiente in Aula alla Camera rispondendo a una mia interrogazione sottoscritta anche dall’On. Fratoianni, è una novità positiva. Ma va ricordato che De Grazia è morto perché indagava ed era sulle tracce delle navi dei veleni. La stessa Commissione Ecomafie negli anni ha sollevato dubbi sulle cause della morte di De Grazia, che è stato ucciso mentre si recava a La Spezia dove c’era la Latvia: una motonave dell’ex Unione Sovietica appartenuta ai servizi segreti russi. Sulla sua morte va fatta piena luce. Secondo la citata inchiesta di FanPage, inoltre, era Bosco Marengo il sito nucleare che ospitava il traffico internazionale di rifiuti radioattivi. Un affare mai chiuso anche quello nucleare, con il decommissioning delle nostre centrali ancora di là da venire. Su entrambi i fronti bisogna fare chiarezza e garantire maggiore sicurezza ai cittadini. Lo dobbiamo a quanti hanno impegnato la loro vita per contrastare le ecomafie e il fenomeno delle navi a perdere, al capitano de Grazia in primis.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi