IL MIO INTERVENTO AL CONGRESSO DEI VERDI ITALIANI

 

Vorrei contribuire a individuare delle parole che ci aiutino a fare sintesi e a guardare al futuro del movimento ecologista

Noi ecologisti, per i temi e le sfide che portiamo avanti, rappresentiamo un fattore di speranza per il Paese, per l’Europa e anche per il pianeta. Possiamo essere l’argine al populismo se contemporaneamente riusciremo ad essere anche popolari. E su questo non bisogna dimenticare la lezione dei gilet gialli francesi. Noi dobbiamo dimostrare che i temi che poniamo sono popolari, che hanno un consenso sociale, e che le soluzioni che indichiamo sono utili e desiderabili, come ci insegnava Alex Langer.

Siamo una speranza per i tanti territori mortificati in questo Paese – penso alla Valle del Sacco a tutela della quale sto depositando una mozione, a Napoli, al Triangolo Siracusano e ai tanti luoghi che la politica ha sacrificato in nome di una idea vecchia di sviluppo, o per dimenticanza.

Noi ecologisti siamo anche quelli che rappresentano l’urgenza climatica, che è la vera frontiera della sicurezza. Anche per questo ci battiamo per i diritti dei migranti, che sono i diritti di tutti noi. La settimana scorsa il Parlamento ha purtroppo approvato il vergognoso decreto Sicurezza, che usa i migranti come cavallo di Troia. In realtà è un decreto che affronta le questioni sociali come fossero problemi di ordine pubblico, che disegna un futuro di paura e leva diritti a tutti quanti. Un provvedimento che renderà molto più complicata la partecipazione e le lotte sui territori.

Noi ecologisti dobbiamo rivendicare la centralità dei nostri temi, avere visione, ambizione e coraggio, ma dobbiamo essere anche curiosi verso il mondo che ci circonda e verso quanti possiamo portare in questa partita. Dobbiamo guardare alle comunità, sapendo collocare le nostre battaglie a livello globale come sfida al cambiamento. Perché il nostro è il vero cambiamento. Credo non ci sia nessun paradigma e nessuna cultura politica che nel 2018, più dell’ecologismo, possa rappresentare un elemento così rivoluzionario nel ri-immaginare la società e l’economia. Siamo noi questa forza rivoluzionaria che passa per una capacità empatica, di innovazione e per il protagonismo delle donne.

Il mio intervento al Congresso dei Verdi italiani

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi