E L'ITALIA DOVREBBE DICHIARARLA SUBITO COME CHIEDE LA MOZIONE DI MAGGIORANZA

Non chiamatelo maltempo: siamo in piena emergenza climatica. Settimane di allerte meteo con piogge incessanti che hanno provocato allagamenti in tutta Italia, sfollati e frane, come quella che ha portato al crollo di un tratto di viadotto sulla Torino-Savona, rendono incontrovertibile la realtà. Siamo un Paese fragile, dove i rischi sono ulteriormente acuiti dalla cattiva gestione del territorio e dagli effetti dei mutamenti climatici in atto.

Il clima, infatti, è già cambiato e sta presentando il conto. Nel 2018 il mondo ha visto 850 disastri naturali soprattutto alluvioni, inondazioni, frane uragani e tempeste. La conta dei danni per questi disastri è stata particolarmente salata: 160 miliardi di dollari per il Munich Re. Solo nel nostro Paese Legambiente ha censito nel 2018 148 eventi estremi che hanno causato 32 vittime e oltre 4.500 sfollati, tra il 2010 e oggi ben 563 eventi registrati sulla mappa del rischio climatico che hanno avuto impatti rilevanti in 350 Comuni. Secondo un’indagine di Climate Central pubblicata sulla rivista Nature, se i ghiacciai continueranno a sciogliersi al ritmo attuale, 300 milioni di persone che vivono in aree costiere saranno sommerse dall’oceano almeno una volta l’anno entro il 2050. E l’Italia è una penisola.

Basta allora alle soluzioni tampone. Per mettere in sicurezza i cittadini e affrontare in modo adeguato la crisi climatica, come chiedono i giovani del Climate strike che torneranno in piazza venerdì 29, è arrivato il momento di passare dalle parole ai fatti. A partire dalla dichiarazione dello stato di emergenza climatica, dal rafforzamento del Piano energia e clima, dal graduale taglio dei sussidi dannosi per l’ambiente e da un piano strutturale per la messa in sicurezza del territorio, la mitigazione del rischio e l’adattamento al climate-change. Proprio come chiede la mozione di maggioranza a mia prima firma che sarà discussa oggi dalla Camera.

Avere a cuore l’ambiente e affrontare con serietà e i mutamenti climatici è quanto di più rivoluzionario possa esserci oggi in politica. Perché occuparsi della crisi climatica significa gettare le basi di un nuovo sviluppo, equo, inclusivo, duraturo e che non compromette il futuro, dunque significa risolvere contemporaneamente le crisi ambientale, economica e sociale.

La Fondazione per lo sviluppo sostenibile stima, ad esempio, sia possibile in Italia dare un forte impulso ad uno sviluppo sostenibile e a un aumento importante dell’occupazione – che potrebbe raggiungere 800.000 addetti in sei anni – affrontando con misure adeguate alcune grandi problematiche ambientali. Che sia questa la strada giusta lo indica anche il rapporto GreenItaly di Fondazione Symbola e Unioncamere stando al quale c’è stata una domanda di green jobs pari a quasi 474.000 contratti attivati, il 10,4% del totale delle figure professionali richieste per il 2018.

La mia mozione per l’emergenza climatica impegna quindi il governo a lavorare per l’inserimento del principio dello sviluppo sostenibile in Costituzione, per ridurre le emissioni di CO2 in tempi rapidi e certi e per spingere il sistema Italia verso la conversione ecologica. L’atto sollecita un programma di investimenti pubblici orientati alla sostenibilità che coinvolga i principali settori produttivi. Il governo dovrà anche impegnarsi per promuovere l’economia circolare, razionalizzare e stabilizzare gli incentivi previsti per l’efficientamento energetico e la sostenibilità in edilizia, per una mobilità e una produzione industriale sostenibili. Insomma per un Green new deal capace di rilanciare il Paese puntando sulla sostenibilità e di garantire più sicurezza ai cittadini.

Il mio intervento in Aula alla Camera durante la discussione generale della mozione a mia prima firma per dichiarare anche l’Italia in emergenza climatica.

 

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi