MIGLIAIA DI CANTIERI APERTI PER DARE AI CITTADINI SICUREZZA E LAVORO 

È intollerabile che l’Italia continui a piangere nuove vittime per il maltempo e per la cattiva gestione del territorio. Solo nell’ultima settimana sono state 30.

Una tragedia frutto di diversi problemi: i mutamenti climatici in atto che causano con sempre maggiore frequenza eventi climatici estremi e la fragilità del nostro territorio, resa ancor più critica dal cattivo uso del suolo che la politica non ha saputo contrastare. Con l’ultimo Governo che ha operato scelte discutibili come la chiusura delle unità di missione su rischio idrogeologico e sismico presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, il rifiuto dei fondi anti-dissesto della Bei e il condono per Ischia e per il Centro Italia previsti dal decreto Genova. Dal ministro degli Interni, poi, sono arrivate ignobili quanto ridicole accuse all’ambientalismo.

Per non piangere altre vittime innocenti è necessario un deciso cambio di rotta. A partire dal necessario e atteso piano nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici e da un piano di messa in sicurezza e cura del territorio. Piano che avrebbe anche l’effetto di creare posti di lavoro. Non più rinviabile anche dotare il Paese di una normativa contro il consumo di suolo. Basta poi essere tolleranti sull’abusivismo edilizio, al contrario vanno ripristinate legalità e sicurezza realizzando tutte le ordinanze di demolizione emesse. Priorità cui intendono rispondere due proposte di legge a mia prima firma, la n. 279 per la riduzione del consumo di suolo e la n.413 che vuole dare più efficacia alla lotta contro l’abusivismo grazie a tre modifiche strategiche alla normativa vigente.

Così la deputata di LeU Rossella Muroni sul maltempo che ha drammaticamente colpito l’Italia.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi