MA LA QUESTIONE PFAS È  TROPPO SERIA PER FARNE PROPAGANDA ELETTORALE E LA LEGGE SUGLI ECOREATI E' UNA VITTORIA DEI CITTADINI  

Il rinvio a giudizio di tredici indagati per avvelenamento delle acque e disastro innominato da parte della Procura di Vicenza che indaga sull’inquinamento da Pfas in Veneto causato dalla Miteni è una notizia positiva. Sarà interessante capire perché, allo stato attuale, non sia stato usato il reato di disastro ambientale.

L’inquinamento da Pfas in Veneto purtroppo è una questione molto seria sulla quale i cittadini e le associazioni, come Legambiente Veneto, combattono da anni. Una questione troppo seria per diventare oggetto di propaganda elettorale.

Basta ricordare alcune date per smontare la propaganda: ad esempio quelle della manovra del 2017 che ha finanziato il by-pass idrico per l’approvvigionamento di acqua salubre per i cittadini delle aree colpite dall’inquinamento, o quella dello scorso marzo quando è stato riconosciuto lo stato di emergenza.

Facile anche smontare il falso-mito secondo cui la legge sugli ecoreati sarebbe merito dei Cinque Stelle. Vorrei ricordare che la legge n. 68/2015 grazie alla quale sono stati introdotti nel nostro codice penale cinque reati ambientali, tra cui l’inquinamento e il disastro ambientali, è frutto di una battaglia storica di Legambiente e di un cartello di 40 associazioni. Il provvedimento, arrivato mentre ero ancora alla guida di Legambiente, è frutto di un testo unificato di Pd, M5S e Sel e porta la prima firma di Ermete Realacci. Una legge che non a caso fu approvata ad ampia e trasversale maggioranza.

Così la deputata di LeU Rossella Muroni torna sulla questione Pfas.

Roma, 15 gennaio 2019.

 

 

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi