OVVERO COME NON TRASFORMARE UN'OPPORTUNITÀ IN UNA TRAGEDIA

Grazie alla direttiva europea sulla plastica monouso dal 2021 saranno vietati nell’UE i più diffusi prodotti usa e getta. Per affrontare l’inquinamento da plastica, che è uno dei più diffusi nelle acque e sulle terre del pianeta.
Per l’Italia, che è all’avanguardia sia sul fronte normativo che tecnologico, l’entrata in vigore della direttiva è un’occasione da non perdere per continuare a giocare un ruolo da protagonista sul fronte strategico dell’innovazione e della sostenibilità del settore. Ricordo, infatti, che grazie a due parlamentari con una storia importante in Legambiente, Francesco Ferrante ed Ermete Realacci, il nostro Paese è stato il primo a mettere al bando gli shopper di plastica, i cotton-fioc non biodegradabili e le microplastiche nei cosmetici. L’Italia vanta anche un primato tecnologico: siamo il Paese che ha inventato sia la plastica che le bioplastiche compostabili. Un ruolo di leadership da coltivare e mantenere.
Conservare e rinnovare il primato in questo campo è anche una questione di occupazione: il 70% della plastica monouso che verrà messa al bando in Europa è prodotta in Italia e impiega 3 mila addetti. Per tutelare l’ambiente insieme alle imprese e ai lavoratori dobbiamo essere dunque i più bravi anche sul fronte della #transizioneecologica del settore.
Usare la leva fiscale per orientare i consumi e indirizzare le produzioni verso la sostenibilità è misura giusta e necessaria ma richiede metodo, confronto ed equilibrio. E per essere efficace la plastic-tax deve essere modulare: colpire chi inquina e premiare i comportamenti virtuosi come il riuso, il riciclo, la semplicità con cui un prodotto può essere differenziato e quindi riciclato, le produzioni compostabili. Il campo di applicazione della tassa, inoltre, potrebbe essere esteso alla materia prima escludendo invece i prodotti in plastica riciclata oltre a quelli compostabili. Ed è necessario un confronto con le aziende e gli operatori del settore, anche per capire quale sia il percorso migliore per incentivare la riconversione dei macchinari e dei modelli produttivi. Auspico quindi che dopo i segnali di apertura del governo, ci sia spazio per correggere la misura.
Il sistema Italia ha le capacità e le tecnologie per compiere con successo la transizione ecologica del settore, ma dobbiamo aiutare le nostre aziende in questo percorso. Partendo anche dalle capacità attuali della nostra produzione di bioplastiche, una produzione tutta italiana orientata alla sostenibilità e alla circolarità che alimenta filiere green legate ai territori.
Per evitare di trasformare un’opportunità in una tragedia serve una grande alleanza tra istituzioni, politica, mondo produttivo e della distribuzione e cittadini/consumatori che accompagni con responsabilità il nostro phase-out dalla plastica usa e getta.
Il mio intervento su Tuttogreen de La Stampa in versione integrale è disponibile qui

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi