GOVERNO TI TENIAMO D'OCCHIO

Meno male che c’è l’Europa. Non solo perché abbiamo a disposizione il più sostanzioso finanziamento messo a disposizione di un singolo Stato dall’Ue con il programma Next Generation Eu, ma anche per il vincolo ambientale e il controllo della Commissione sul nostro Pnrr. Che ha costretto l’Italia ad accantonare, per ora, il greenwashing dell’Eni.
Noi di FacciamoECO, insieme a molte associazioni ambientaliste, avevamo criticato da subito lo sbilanciamento del nostro Piano nazione di ripresa e resilienza sull’idrogeno al quale venivano assegnati circa 4 miliardi, ossia più fondi che alla rinnovabili, senza specificare se verde, grigio o blu. E avevamo denunciato il pericolo che lo sbilanciamento sull’idrogeno insieme al protagonismo del gas e al fatto che il ministro Cingolani non lo escludesse esplicitamente, facesse rientrare dalla finestra quello che era uscito dalla porta. Ossia il progetto Eni di cattura e stoccaggio della CO2 sui fondali al largo di Ravenna. Un articolo di ReCommon pubblicato su Domani ci dà ragione: solo grazie alle pressione della Commissione Europea – che al punto 27 della Proposta di decisione relativa all’approvazione del nostro Pnrr  evidenzia come alcune misure, tra cui l’idrogeno, hanno richiesto particolare attenzione per garantire che non siano arrecati danni significativi all’ambiente – nel Documento di lavoro che accompagna la Proposta di decisione è finalmente scritto a pg.68 che gli investimenti nell’idrogeno saranno limitati all’idrogeno verde, escludendo l’idrogeno blu e il coinvolgimento del gas.
Ora bisognerà vigilare sull’impiego del fondo complementare e degli altri finanziamenti su cui il vincolo ambientale e il controllo europeo non sono così pronunciati. Governo, ti teniamo d’occhio.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi