SI INTERVENGA SU SPECULAZIONI ED EXTRAPROFITTI CONTRO IL CARO ENERGIA

Lo chiedo con una interrogazione al Presidente del Consiglio dei Ministri

Il ritardo sulla transizione e l’eccessivo protagonismo del gas nel nostro mix energetico fanno male al clima, alle tasche degli italiani che quest’anno per luce e gas pagheranno fino a 1.500 euro in più, e alla nostra libertà.  L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia mostra, infatti, con prepotente evidenza che la dipendenza dal gas non ci fa rispondere come dovremmo alle violazioni del diritto internazionale e dei diritti umani. Caro bollette e conflitto in Ucraina dovrebbero spingerci ad accelerare la transizione verso le rinnovabili, a intervenire contro le speculazioni sui prezzi di gas ed energia e ad agire sugli extraprofitti delle società importatrici di gas per mitigare il caro-energia. Proprio per sollecitare il governo ad avviare un’indagine, tramite Arera, sull’effettivo costo dei contratti di gas dei maggiori importatori e delle aziende che distribuiscono gas ed energia elettrica e a verificare eventuali indebiti vantaggi per alcune imprese, ho presentato una interrogazione al Presidente del Consiglio del Ministri”.

Al Premier chiedo anche di conoscere il vero costo delle importazioni italiane di gas, quale percentuale dei contratti di fornitura è indicizzata al petrolio piuttosto che al gas e quali parametri sono utilizzati per calcolare l’indicizzazione. Nell’interrogazione sollecito, infine, il Governo a cambiare il sistema di fissazione dei prezzi delle bollette e ad intervenire sulla tassazione degli extra-profitti delle società importatrici di gas, in modo da ridurre l’impatto della crisi su imprese e famiglie. Sollecitazioni del tutto simili sono arrivate anche dalla mozione approvata a inizio marzo dal Consiglio della Regione Lombardia e presentata dalla consigliera Elisabetta Strada.

Cambiare rotta e uscire dalla dipendenza fossile è possibile, a patto di decuplicare la velocità di installazione delle rinnovabili, spingere sull’autoproduzione e semplificare gli iter autorizzativi. Per questo sarebbe dirimente che l’esecutivo ascoltasse le proposte di Elettricità Futura. La Confindustria dell’energia elettrica chiede che vengano autorizzati entro l’estate 60 GW di rinnovabili da realizzare nei prossimi 3 anni, riducendo i costi in bolletta del 30% e il fabbisogno di gas russo al 7%.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi