SU AVVENIRE LA MIA LETTERA APERTA ALLA SINDACA RAGGI, ALLA PREFETTA PANTALONE E ALLA PRESIDENTE ACEA CASTELLI

Dall’altro ieri stiamo tutti con l’elemosiniere del Papa. Il cardinale Konrad Krajewski non ha soltanto riportato la luce a 450 persone, di tante nazionalità diverse e bisognose di aiuto, ha un gesto di solidarietà. Qualcosa che questo Paese, ormai accecato e assuefatto alla miseria abbandonica, non ricordava più.
Ma cosa ci ha portato a diventare un Paese dove si stacca la corrente elettrica a 450 persone? Cosa ci ha fatto dimenticare che in quello stabile il distacco di elettricità avrebbe coinvolto anche 100 bambini, oltre a alcuni malati che usavano e usano apparecchi elettrici per le terapie. Una risposta, potrebbe essere nei troppi porti (fintamente) chiusi, nella diffusione della paura del diverso, nella rabbia sociale fomentata e cavalcata a caccia di becero consenso, nell’assenza di contenuti e nella mancanza di confronto.
Ora che le polemiche del ministro Salvini con il Vaticano sono superate da nuove polemiche della Lega con gli alleati di governo, spero che la presidente di Acea, la Sindaca e la Prefetta di Roma – tre donne – vogliano parlarsi e cercare insieme una soluzione.
Il gesto del cardinale è stato un atto di giustizia sociale, che intreccia la responsabilità del gesto al bisogno di aiuto e alla necessità di dare una risposta umana. Non dimentichiamocelo e cerchiamo di improntare le nostre azioni, nell’esercizio dei diversi ruoli e funzioni, alla solidarietà. Spero vogliano farlo anche le tre donne nelle cui mani può passare la luce dello Spin Time.
Qui la mia lettera aperta alla Sindaca Raggi, alla Prefetta Pantalone e alla Presidente Acea Castelli pubblicata da Avvenire. 

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi