MINISTERO DELL'AMBIENTE COMPRESO.

Per portare Roma fuori dall’emergenza rifiuti, che sta diventando anche sanitaria, servono un piano di breve e uno di lungo periodo. Il primo per superare la fase più critica portando i rifiuti indifferenziati anche fuori Regione. Il secondo per recuperare la fiducia dei cittadini, far crescere la differenziata e realizzare gli impianti che servono per la corretta gestione del ciclo dei rifiuti nella Capitale. Che non significa nuove discariche o inceneritori, ma impianti per la gestione della frazione umida, impianti per il recupero e il riciclo, centri del riuso. E soprattutto, come ha chiesto anche ieri il Presidente del III Municipio Caudo, serve collaborazione tra tutti i soggetti istituzionali coinvolti, tra Comune, Regione e Ministero dell’Ambiente. Il governo, infatti, è chiamato in causa nell’emergenza rifiuti Capitale e dovrebbe svolgere un ruolo di vigilanza e regia. Inaccettabile, dopo quasi un anno di Cabina di regia, la lettera del Ministero dell’Ambiente al Comune per chiedere cosa sta facendo e come intende uscire dall’emergenza. Cosa ha fatto sinora la Cabina di regia? E quale regia ha esercitato il governo per facilitare il raggiungimento di soluzioni adeguate?

Per la chiusura definitiva del Tmb Salario, infine, non basta la richiesta di revoca dell’AIA inviata dal Comune di Roma alla Regione Lazio, ma come proprietaria dell’impianto deve essere l’Ama a fare la richiesta. Come ha spiegato in audizione alla cosiddetta Commissione Ecomafie il presidente Zingaretti, la lettera della Raggi è nulla. Preso atto della volontà del Comune di chiedere la revoca dell’AIA per l’impianto di via Salaria e di quella della Regione di revocarla spero che la Sindaca solleciti l’Ama all’invio della missiva. Così da scrivere finalmente la parola fine sulla storia del TMB Salario.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi