LO CHIEDIAMO CON UNA RISOLUZIONE IN COMMISSIONE FIRMATA DA OLTRE 20 DEPUTATI CHE SARA' DISCUSSA LA PROSSIMA SETTIMANA

Sono bambini e adolescenti, lasciati a casa senza poter rientrare a scuola, la fascia di popolazione che più ha sofferto in questi mesi di pandemia. La comunità scolastica ha subìto un colpo molto duro e ora, passata la fase più acuta dell’emergenza covid, è urgente recuperare il terreno perso e fare un salto di qualità nella gestione della crisi. In questi mesi l’assenza di servizi per la fascia 0-6 anni, il digital divide, una didattica a distanza per cui eravamo impreparati, troppo spontaneistica e poco monitorata e il mancato rientro in classe hanno lasciato forti contraccolpi su studenti e famiglie. Riportare bambine e bambini, ragazze e ragazzi a scuola in sicurezza dal primo settembre deve essere la priorità del governo tutto e del Parlamento.
Oltre al disagio diffuso per il distanziamento sociale e per le fragilità della ‘didattica di emergenza’, la chiusura delle scuole ha prodotto un pericoloso aumento del tasso di abbandono scolastico, acuito le disuguaglianze, ampliato e aggravato le situazioni di povertà educativa. Molti ragazzi a casa non avevano accesso alla rete e ai dispositivi per seguire le lezioni, nei casi peggiori nemmeno a pasti equilibrati o a un ambiente protetto e sereno. Una situazione che è stata particolarmente grave per i più fragili e per gli studenti con disabilità.
L’estate rischia di essere un’occasione persa e non si può tardare oltre: il mese di settembre sia sfruttato tutto. Riapriamo gli istituti dal primo settembre e facciamo trovare ai nostri studenti una scuola inclusiva, resiliente, capace di valorizzare il meglio dell’innovazione e di recuperare in pieno la sua funzione educativa e sociale. Impegniamoci oggi per arrivare al primo settembre con una scuola all’altezza della sfida che abbiamo di fronte.
È quanto chiediamo con una risoluzione in Commissione Cultura a prima firma del collega Alessandro Fusacchia che abbiamo sottoscritto in molti e che sarà discussa la prossima settimana. Il nostro contributo per riportare l’infanzia e l’educazione al centro della politica.

Qui il testo e i firmatari della risoluzione.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi