NE DA NOTIZIA IL SALVAGENTE
In un un Paese dove l’emergenza abitativa interessa 650 mila nuclei familiari nelle graduatorie comunali e dove ogni anno vengono emesse oltre 60 mila sentenze di sfratto, dove sono finiti i soldi per le case popolari e l’edilizia residenziale pubblica?
Era la domanda che poneva nel 2016 una documentata inchiesta de Il Salvagente. E che ho riproposto al Mit con una interrogazione a risposta immediata in commissione firmata anche dai colleghi Fornaro e Palazzotto.
Ebbene quel tesoretto dell’ex Gescal “dimenticato” da anni su un conto corrente di Cassa Depositi e Prestiti alimentato dalle buste paga dei lavoratori e vincolato a programmi di edilizia residenziale pubblica, è ancora lì. Almeno per 970 milioni di euro. Lo ha scritto nero su bianco il Mit rispondendo alla mia interrogazione.
Sarebbe quanto mai urgente utilizzare queste risorse per avviare quel piano di edilizia residenziale pubblica senza ulteriore consumo di suolo, perché basato sul recupero degli immobili inutilizzati, che come gruppo avevamo già sollecitato con la mozione sulle periferie approvata dalla Camera in luglio. Sarebbe un modo per rispondere alle esigenze dei cittadini con disagio abitativo e per rilanciare l’edilizia puntando sulla riqualificazione, anziché sulla nuova cementificazione. Per tenere insieme giustizia sociale, economia ed ecologia.
La notizia su Il Salvagente si può leggere qui.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi