RIFORMA CARTABIA

Sulla riforma Cartabia sono giorni che chiediamo al governo, insieme a Legambiente, Libera, Gruppo Abele, Greenpeace, WWF e a tanti cittadini, una cosa precisa: inserire tutti i delitti ambientali o almeno il disastro ambientale tra i reati gravi per cui non sono previsti termini che ne determinino l’improcedibilità.
Visto che non è stato possibile farlo con un emendamento, abbiamo chiesto al governo un impegno in tale direzione con un ordine del giorno firmato da tutti i colleghi di FacciamoECO. L’esecutivo non può cavarsela con una riformulazione in cui “l’impegno” diventa un “a valutare l’opportunità di”. Non c’è niente da valutare, in questa riforma Cartabia si sta facendo un errore madornale.  
Nel 2015 con la legge sugli ecoreati, una legge del Pd a prima firma Realacci fortemente voluta anche dal Movimento 5 Stelle dalla sinistra e da una mobilitazione nel Paese durata oltre 20 anni, avevamo affermato un principio di civiltà, ossia che chi inquina paga. A tutela della salute dei cittadini, dell’ambiente e della buona economia. Oggi inserendo quella frase ‘”a valutare l’opportunità di” l’esecutivo fa un enorme passo indietro su questi fronti strategici. Per questo dal governo che si dice ambientalista non possiamo accettare questa riformulazione.
Qui il mio intervento in Aula sull’Odine del giorno di FacciamoECO, che messo in votazione nella versione originale non è passato per soli 5 voti.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi