CHI È PRONTO DAVVERO A VOTARE UNA LEGGE DI BILANCIO CHE COMBATTA LA CRISI CLIMATICA?

Su Linkiesta.it di oggi dico cosa dovrebbe fare il Governo che vorrei: ma chi lo vota in parlamento?

In questi giorni di crisi politica in molti hanno chiesto la composizione di un Governo ambientalista che affronti la sfida del clima che cambia e che davvero sta mettendo a rischio il nostro futuro!
E allora ho provato a dire che per affrontare la crisi climatica si dovrebbe iniziare costruendo una Legge di Bilancio innovativa, che investa almeno quattro ambiti. Primo: quello delle concessioni; nella gestione di autostrade e aeroporti, di cave e acque minerali occorre ristabilire regole che garantiscano una corretta gestione di beni pubblici come, purtroppo, oggi non avviene, anche per rendere possibile recuperare risorse per centinaia di milioni di euro all’anno. Poi, occorrerebbe intervenire sulle esenzioni dalle tasse per centinaia di milioni di euro che attualmente premiano le fonti fossili, spostando la fiscalità in favore delle fonti con minori impatti ambientali e l’innovazione; allo stesso tempo eliminare le barriere che limitano rinnovabili e mobilità sostenibile. Il terzo punto, che si addice a una Legge di Bilancio ambientalista, dovrebbe riguardare l’economia circolare e le filiere locali di qualità, ridisegnando le aliquote Iva e differenziando i diversi beni sulla base dell’impatto ambientale e sociale dei prodotti per premiare innovazione ambientale e efficienza, i territori e il Made in Italy. Sarebbe anche necessario lanciare un Piano di investimenti pubblici utili, ormai fondamentali: al suo interno sono urgenti interventi capaci di riqualificazione degli edifici e di recupero delle periferie urbane, delle scuole, di creazione di servizi (nuove linee metro e tram, piste ciclabili), di adattamento delle città ai cambiamenti climatici, di risolvere i problemi di acquedotti e depuratori, i ritardi delle bonifiche delle aree inquinate, e procedere con la demolizione degli edifici abusivi.

Il mio commento in versione integrale è disponibile qui.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi