ED ESCLUDERE LE CALDAIE A GAS

È inaccettabile, come denunciato da Italia Solare e riportato da QualEnergia.it, che nella Legge di Bilancio approdata al Senato la proroga del Superbonus per il fotovoltaico sia limitata al 30 giugno 2022.

Lo scopo della misura è di promuovere l’efficientamento, il miglioramento e il risparmio energetico del nostro patrimonio edilizio con il vantaggio multiplo di ridurre consumi energetici, emissioni e costi delle bollette e di rilanciare un’edilizia di qualità legata alla sostenibilità e che non consuma nuovo suolo. Una misura in linea con il Green Deal e capace di aiutare l’Italia a rispettare target climatici e di qualità dell’aria, che con la manovra rischia di essere depotenziata.

Per scongiurare questo pericolo il Superbonus per l’installazione di pannelli fotovoltaici deve essere prorogato ben oltre la metà del 2022. Ma non solo. Bisogna assicurare continuità fino al 2025 a tutte le misure del pacchetto detrazioni e prorogare fino al 2025 la cessione del credito e lo sconto in fattura per tutti gli interventi del pacchetto Superbonus allo scopo di garantirne la piena efficacia.  Va poi rimosso il limite di reddito per le abitazioni singole, condizione che creerebbe una disparità di trattamento con i condomìni.

Se si vuole assicurare l’efficienza di questi importanti incentivi pubblici si punti sul miglioramento delle performance ambientali raggiunto grazie all’intervento di riqualificazione edilizia e si escludano dal pacchetto le caldaie a gas e qualsiasi altro tipo di impianto di riscaldamento a gas. Che è una fonte fossile.  Farlo migliorerebbe la qualità della spesa pubblica e allineerebbe l’Italia anche ai nuovi orientamenti europei sugli aiuti pubblici.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi