IL MIO INTERVENTO SU IMAGINA

L’emergenza sanitaria ha piegato il Paese e il coronavirus ha schiacciato quel che si è trovato di fronte. Ma questa pandemia non può essere una scusa per abbassare la guardia sulle politiche ambientali perché sarà anche riuscita a svuotare le città e a renderle forse più respirabili, ma nessuno può permettersi di pensare che sia possibile sacrificare l’ambiente in nome della ripartenza.
Nella fase 2 e nella ripartenza dell’Italia, io ci vedo altro. Sviluppo sostenibile, alle diseguaglianze sociali, istruzione scolastica innovativa e formazione universitaria protesa alla ricerca e al mercato di domani. Tutto nel segno della discontinuità rispetto ai vecchi schemi. Perché spesso sono proprio quelle regole primitive che ci hanno portato dove ci troviamo ora: con le continue deroghe, con la sanità che ha mostrato tutta la sua fragilità nella rete territoriale e di medicina di prossimità, con l’indifferenza per la difesa del territorio che ha portato a stragi di innocenti sotto alluvioni e valanghe di fango. Con il pensiero corto dell’industriale che guarda soltanto alla produzione ‘a-tutti-i-costi’ senza farsi troppe domande su inquinamento e sicurezza dei lavoratori, con i condoni e l’abusivismo che cancellano i nostri gioielli naturali, con l’evasione e l’elusione fiscale che rubano i servizi alla collettività.
Ora è il momento di essere ancora più convinti delle nostre azioni, proprio come tradizionalmente avviene in una fase post-bellica. Perché noi oggi stiamo uscendo da una guerra. Dovremmo affrontare il futuro, e nello specifico il Green deal, con l’entusiasmo che si diffuse nel Paese durante la ricostruzione degli anni ’50 e ’60. Mantenendo la promessa di una società prospera, inclusiva e sostenibile.
Il mio intervento su Immagina

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi