ITALIA ED EUROPA DIANO L'ESEMPIO. MIO INTERVENTO SU LA STAMPA

La COP più lunga di sempre, quella della speranza e dell’urgenza, è naufragata in un mare di divisioni.  In due settimane e due giorni supplementari di negoziati, i quasi 200 Paesi riuniti a Madrid non sono riusciti a trovare un’intesa sull’attuazione dell’Accordo di Parigi. Siderale la distanza fra le speranze della vigilia e la delusione della dichiarazione finale, fra l’urgenza dell’azione indicata dalla scienza e invocata dai ragazzi dei Fridays For Future e il risultato del vertice.

Ora tornare all’azione con misure radicali è più urgente che mai. Perché non possiamo permetterci di arrivare impreparati alla COP26 di Glasgow. Il 2020 sarà un anno cruciale.

Il nostro Paese, come nazione ospite dalla pre-COP e della Youth-COP, deve dare il buon esempio e rivedere al rialzo il Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima (PNIEC) in coerenza con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi e accelerare la transizione energetica. È proprio quanto prevede la mozione di maggioranza a mia prima firma accolta alla Camera che impegna il governo a dichiarare l’Italia in emergenza climatica e ad affrontarla con misure adeguate, definendo una road-map per il clima da realizzare nei prossimi mesi ed anni. Una strategia verde su cui rifondare il patto di governo.

Oltre ad essere necessario, rispondere alla sfida del clima ci permetterà di dare corpo a una nuova economia sostenibile ed equa, di risolvere allo stesso tempo le crisi ambientale, economica e sociale. Di costruire un futuro più felice e sostenibile per tutti.

Il mio intervento su La Stampa si può leggere in versione integrale qui.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi