DEPOSITATA INTERROGAZIONE

Il commento mio e di Majdi Karbai, deputato del Parlamento tunisino del Gruppo Democratico eletto nel partito Corrente democratica.

Il rientro in Italia di 213 container carichi di rifiuti urbani indifferenziati, destinati quindi non al recupero ma all’incenerimento o alla discarica, esportati illecitamente dall’Italia alla Tunisia è una buona notizia per l’ambiente, la legalità e la leale cooperazione tra Paesi amici. Una novità positiva accolta con favore da quanti, come noi e come le associazioni ambientaliste dei due Stati, hanno sollecitato per mesi il governo ad intervenire per riportare in Italia i rifiuti e a rivalersi poi nei confronti dei responsabili del traffico all’esito del procedimento giudiziario. Ma sull’accordo siglato da Italia e Tunisia per riportare in patria questi rifiuti ci sono diversi punti da chiarire.

Proprio per fare piena luce sulla vicenda, in accordo con il parlamentare tunisino Karbai che è stato tra i primi a denunciarla, ho depositato una nuova interrogazione ai Ministri degli Esteri e della Transizione ecologica.

Secondo alcuni giornali tunisini nell’intesa tra Tunisia e Italia rientrerebbero anche accordi che riguardano le politiche migratorie e investimenti dell’Italia in alcuni settori strategici tunisini, come quello dell’energia prodotta dalla combustione dei rifiuti. Punti su cui non c’è nessuna conferma, ma che andranno approfonditi. Analogamente sono da chiarire la natura e i dettagli dell’accordo tra Italia e Tunisia, in particolare chi e come gestirà lo smaltimento dei rifiuti, nonché dove saranno smaltiti e se anche i container bruciati rimasti in un magazzino a Mourredine saranno riportati in Italia. Infine chiediamo di sapere se l’accordo preveda o meno un risarcimento economico per il danno ambientale subito dalla Tunisia.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi