LA CAPITALE DEVE PUNTARE SUL RECUPERO DEI MATERIALI E SUL RICICLO

Un nuovo termovalorizzatore per Roma sarebbe un errore. È un po’ come se si decidesse di costruire un palazzo partendo dal tetto. Al contrario per la Capitale è necessario puntare sulle fondamenta della corretta gestione del ciclo dei rifiuti. Roma deve procedere spedita sul recupero dei materiali, sul riciclo e su una virtuosa filiera dell’economia circolare.
L’economia circolare è la strada indicata anche dall’Europa ed è l’unica via che a Roma bisogna seguire: incrementare la raccolta differenziata, rafforzare il porta a porta, investire in innovazione e dotare la Capitale di impianti di recupero dei materiali per dare un destino fruttuoso oltre che corretto, nell’ottica dell’economia circolare, a tutte le frazioni raccolte.
È per questo che avevo accolto con favore il progetto della giunta di Gualtieri di realizzare i primi due biodigestori per la frazione umida dei rifiuti da parte di Ama.  Per lo stesso motivo credo sia un errore realizzare un termovalorizzatore a controllo pubblico per la quota di rifiuti indifferenziati residua, come annunciato oggi all’Assemblea capitolina straordinaria dedicata al tema dei rifiuti.
L’Italia è campione di riciclo e abbiamo ancora altre e forti potenzialità da sviluppare ce lo ricorda proprio oggi un articolo di Jacopo Giliberto sul ‘Sole 24 Ore’ riprendendo alcuni dati Ispra: recuperiamo materia dal 69% dei rifiuti industriali e ricicliamo il 53,3% dei rifiuti domestici, anche come risposta al ‘caro materie prime’ da parte di molte aziende che intensificano i progetti sui materiali riciclati.
Anche per questo bisognerebbe puntare con decisione sull’economia circolare, sul recupero e sul riciclo tenendo ben fermi i principi di sviluppo sostenibile e i cardini di una crescita giusta ed equilibrata.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi